L'estremo saluto a Edoardo, morto a 4 anni: una bara bianca in spalla e un lungo applauso

La chiesa di Castrocaro lunedì pomeriggio ha accolto il mesto saluto a Edoardo Bassani, il bambino di 4 anni morto annegato mercoledì scorso in una piscina di Mirabilandia

La chiesa di Castrocaro, Santi Nicolò e Francesco, lunedì pomeriggio ha accolto il mesto saluto a Edoardo Bassani, il bambino di 4 anni morto annegato mercoledì scorso in una piscina di Mirabilandia. Il feretro è giunto a piedi, in processione con la piccola bara bianca caricata in spalla, nonostante il sole cocente, dalla casa di famiglia dei Bassani. Ad attenderlo una chiesa gremita, dentro e fuori. Infatti, centinaia di persone hanno voluto dare il loro ultimo saluto al bambino, una morte che ha straziato tutta la comunità di Castrocaro (lunedì nel lutto cittadino) e non solo. Presente anche il sindaco Marianna Tonellato, con la madre, il padre e la famiglia ai primi banchi della navata.

La cerimonia funebre è stata officiata dal parroco di Castrocaro, don Oreste Ravaglioli, che ha reso noto anche la partecipazione del vescovo Livio Corazza, che più volte ha chiamato il sacerdote per assicurarsi che alla famiglia Bassani fosse arrivato la più totale partecipazione della comunità religiosa della diocesi di Forlì. Difficile dare un senso ad una morte così drammatica di un bimbo di appena quattro anni. Don Oreste nell'omelia ha ricordato lo scoramento umano di Cristo che in Croce è arrivato a domandarsi perché il Signore l'avesse abbandonato. Una sensazione analoga che ha percorso tanti presenti dentro la chiesa castrocarese. Dopo il rito funebre il feretro è stato accolto all'esterno da un ultimo applauso di commiato. 

Il ricordo del nonno: "L'unico amore della mia vita"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Dopo l'esplosione al bancomat, pioggia di colpi sui carabinieri: proiettile colpisce l'auto di pattuglia

  • Folle velocità, schianto e cappottamento in Tangenziale: guidava con una patente falsa

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento