Arrestato esperto nei furti nelle case: era libero da pochi mesi

Sul suo capo pendeva un cumulo di pene firmato dal giudice del tribunale di Modena per sette anni e mezzo di reclusione per una serie di furti in abitazione commessi tra il 2004 e il 2005 in Romagna e nel modenese

Era uscito dal carcere nel maggio scorso dopo aver scontato tre anni di reclusione per ricettazione, furti e possesso di documenti falsi. Espluso dall'Italia con accompagnamento coattivo, è rientrato come clandestino in Italia. Sul suo capo però pendeva un cumulo di pene firmato dal giudice del tribunale di Modena per sette anni e mezzo di reclusione per una serie di furti in abitazione commessi tra il 2004 e il 2005 nel modenese, forlivese, ravennate e riminese.

E.H. (le sue iniziali), un 42enne di nazionalità albanese, è stato arrestato alle prime luci dell'alba di martedì dalla Sezione Catturandi della Squadra Mobile di Forlì, diretta dal dirigente Claudio Cagnini. L'extracomunitario, che copriva la vera identità con nove alias, è stato trovato al termine di un'attività investigativa nell'abitazione di un artigiano romeno lungo la Cervese, denunciato a sua volta per favoreggiamento. L'albanese è finito nei guai anche per ricettazione poichè trovato in possesso di un telefonino di ultima generazione rubato una decina di giorni fa da un'automobile.

Gli investigatori non escludono che il 42enne fosse in procinto di commettere altri furti in abitazione e che fosse la mente di una banda alla luce dell'esperienza maturata negli anni. Oltre ai sette anni e mezzo di reclusione, l'albanese dovrà scontare un anno di lavori socialmente utili e pagare una sanzione di 10mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continua l'attività di prevenzione della Squadra Mobile di Forlì-Cesena, che negli ultimi due mesi ha eseguito ordinanze di custodia cautelare in carcere per oltre 36 anni di detenzione: "la cattura di un latitante è di notevole importanza, perchè si riesce così a prevenire eventuali furti che il diretto interessato potrebbe compiere", evidenzia il dirigente della Mobile, Cagnini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vita ai tempi del Coronavirus - Una dipendente di un market spiega tutti i comportamenti sbagliati dei clienti

  • Il coronavirus continua ad uccidere nel Forlivese. Quasi mille contagiati in provincia

  • Coronavirus, martedì drammatico: dieci morti in provincia in 24 ore, 5 a Forlì

  • Coronavirus, superati i mille contagiati in provincia: altri due decessi nel Forlivese. Crescono i guariti

  • Perde l'autobus e si siede sconsolato sulla panchina: trova conforto nella Polizia

  • Coronavirus, focolaio nel Dipartimento di Sanità Pubblica: 19 contagiati in via Della Rocca

Torna su
ForlìToday è in caricamento