Scoperti dalla sorella della derubata, vengono inseguiti e arrestati: condannato un terzetto di ladri

Avevano già forzato il portone di ingresso e stavano per compiere il furto se non fosse stato per l'arrivo casuale della sorella della derubata

Avevano già forzato il portone di ingresso e stavano per compiere il furto se non fosse stato per l'arrivo casuale della sorella della derubata. Nella serata di sabato, i militari delle Stazioni di Ronco e Forlì hanno arrestato per i reati di tentato furto in abitazione in concorso, tre giovani: due donne rispettivamente di 23 e 18 anni ed un uomo di 22 anni, tutti domiciliati in un campo nomadi nel torinese.

Nel pomeriggio di sabato, una giovane  ha avvisato i carabinieri dopo aver visto due ragazze che si erano intrufolate all’interno dell’abitazione di sua sorella, vicino al centro commerciale “I Portici”. La ragazza era assieme al padre, dopo aver suonato alla porta dell'appartamento di sua sorella, sé trovata di fronte le due ragazze che, vistesi scoperte, si sono date alla fuga, raggiungendo al piano terra  "il palo" -  il ragazzo 22 enne, fratello della ragazza di 23 anni, che è fuggito con loro in direzione della stazione ferroviaria. Tutti e tre sono stati seguiti dai parenti della derubata. Le pattuglie impiegate nel controllo del territorio sono giunte immediatamente nella zona segnalata, riuscendo a fermare e bloccare i tre soggetti. 

Condotti negli uffici della Stazione Carabinieri del Ronco, sono stati arrestati per tentato furto in abitazione con l’aggravante di aver usato violenza sulle cose poiché, nel corso del sopralluogo i militari hanno accertato che era stato  danneggiato il portone dell’appartamento.
 
Lunedì mattina, in Tribunale a Forlì, a seguito dell’udienza di convalida, il Giudice Nunzia Castellano su richiesta della Procura della Repubblica (PM Lucia Spirito), ha convalidato l’arresto e ha condannato gli arrestati alla pena rispettivamente un anno di reclusione e 300 euro di multa per la ragazza 23 enne (con  precedenti di polizia specifici) ed applicazione della misura cautelare del divieto di dimora nella provincia di Forlì-Cesena; un anno di reclusione e 300 euro di multa per la ragazza 18enne (con precedenti di polizia specifici); 8 mesi di reclusione e 200 euro di multa per il ragazzo 22 enne (incensurato).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento