homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Era in giro per cercare lavoro e intanto entra in una casa e ruba: arrestato

Era in giro per lasciare i curriculum nelle agenzie del lavoro del centro, ne aveva alcune copie in tasca quando l'hanno arrestato. Chiaramente certe "esperienze" e "competenze" non le aveva rimarcate nel curriculum

Era in giro per lasciare i curriculum nelle agenzie del lavoro del centro, ne aveva alcune copie in tasca quando l'hanno arrestato. Chiaramente certe “esperienze” e “competenze” non le aveva rimarcate nel curriculum, quelle per esempio di entrare di soppiatto in una casa per derubarla. E' ciò che, secondo le accuse, ha fatto nella tarda mattina di giovedì in una via della zona di Schiavonia.

Tutto ha inizio quando, intorno alle 12,30, una signora entra nella propria abitazione, lascia la borsa su un tavolo e la porta aperta, in quanto doveva sostare pochi istanti in casa. Tuttavia in quei minuti la donna ha udito una persona aprire la porta e poi darsela a gambe, con la sua borsa in mano. Subito è scattato l'intervento della Polizia. La fortuna della donna è stata quella di abitare nei pressi della Questura e quindi le telecamere di videosorveglianza hanno inquadrato il soggetto fuggire dalla casa e poi ne hanno ripreso il viso, permettendo di individuare una “vecchia conoscenza”. Infatti, pur nella sua giovane età, 21 anni, il soggetto è già noto negli uffici di Polizia.

Una volta riconosciuto, le auto della Squadra Mobile si sono subito messe alla ricerca del 21enne, ivoriano nato in Italia, con precedenti di polizia per spaccio di droga e rapina. Nel giro di un paio d'ore è stato quindi trovato e bloccato in corso Mazzini. In tasca aveva ancora il denaro rubato (circa 65 euro) mentre la borsa con il suo contenuto (documenti, effetti personali e il cellulare) è stato buttato in un bidone della spazzatura che nel frattempo è stato purtroppo svuotato. Il 21 enne è stato quindi arrestato per furto e processato per direttissima. Dopo la convalida dell'arresto (pm Lucia Spirito), il 21enne è stato messo ai domiciliari in attesa dell'udienza che si terrà tra un paio di settimane. Nel frattempo dovrà sospendere la ricerca del lavoro.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Spero sempre in una svolta giuridica ma non cambia mai e ribadisco mai niente!!! Ai lavori forzati ste merde o a pulire i fossi e ogni km un cecchino!!! Prova a scappare!!!!

    • per i cecchini preferirei ridurre a 300 metri, un chilometro mi sembra esagerato. ordine di sparare a vista ad ogni cosa che si muove, si intende.

  • Ai domiciliari... domani è gia di nuovo in giro a rubare! :-(

  • Segnatevi questa: a breve uscirà una leggina che includerà nei "soggetti svantaggiati" oggetto di attività delle cooperative sociali anche i condannati per reati minori a misure alternative al carcere. Così le cooperative sociali, oltre a beccare i dindi UE per i presunti richiedenti asilo avranno pure il vantaggio di NON PAGARE o sottopagare ulteriormente i lavoratori (in quanto assistiti come misura alternativa al carcere). Verrà venduta al popolo come un grande passo avanti di civiltà e di integrazione oltre a consentire allo stato di risparmiare sui costi delle carceri. La smettiamo di ironizzare sul termine "risorsa"? Sono davvero una risorsa, anche pregiata, ma solo se sei una cooperativa sociale, e sostieni il PD. D'altra parte se sei sostenitore a lavori in banca puoi beneficiare di un fido di 250 milioni di euro a "babbo morto" che tanto per decreto legge non sarai perseguibile ed i soldi li mettono i babbei che ti han creduto e votato....

  • Ma anche se nato in Italia nel suo DNA vi è la disonestà. Quindi una risorsa sinistroide a tutti gli effetti.

  • Perche' ai domiciliari? quella dei domiciliari non la digerisco , ci sono persone oneste senza lavoro o con stipendi da fame che non escono perche' non se lo possono permettere e queste persone sono ai domiciliari forzati. Tutti quelli che commettono reati DEVONO andare in priglione e se non sono Italiani le spese di vitto e alloggio lo deve pagare lo STATO da dove vengono e a quelli Italiani confiscare tutto nquello che hanno per pagare le spese. Tutti i se e i ma non servono, fanno venire solo il mal di pancia, o si cambia sistema oppure dobbiamo restare ZITTI e subire , amen.

  • Un'altra risorsa che ruba per pagarci le pensioni.

  • fuori a cannonate altro che ius soli

    • Magari.

  • Tutte risorse

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Amore non corrisposto: spinge la collega di lavoro contro il muro e tenta di spogliarla

  • Sport

    Imola ha più fiato: va all’Andrea Costa il primo derby d’estate 84-95

  • WeekEnd

    L'ultimo weekend di agosto si congeda con birra, musica e feste patronali: tutti gli eventi

  • Eventi

    "I tre giorni del Sangiovese" si fanno in sette: svelata l'edizione 2016

I più letti della settimana

  • Terremoto nel cuore della notte: la terra trema per una decina di secondi

  • Terremoto, sepolti dalle macerie: coniugi forlivesi perdono la vita ad Amatrice

  • Morto alla cascata, valle paralizzata dal dolore. Fatale l'impatto con la roccia

  • Terremoto in Centro Italia: si mette in moto anche da Forlì la macchina dei soccorsi

  • Poca igiene, i Carabinieri chiudono un negozio di ortofrutta in centro

  • "Dal Comune affitti fuori mercato": chiude la Caffetteria di piazza Cavour. Parte la petizione

Torna su
ForlìToday è in caricamento