Ruba nell'auto ma viene inseguito dai clienti dell'ambulatorio: denunciato

Alcuni dei clienti si sono lanciati all'inseguimento del ragazzo che, accortosi di essere stato scoperto, se l'è svignata

Avrebbe dovuto lasciare l'Italia già nel 2016, e invece si trovava ancora a Forlì. Giovedì pomeriggio in via Sauli alcune persone presenti all'interno dell'ambulatorio di ortopedia e fisioterapia centro Rem hanno notato dalle finestre un uomo che cercava di entrare in un'automobile parcheggiata di fronte al centro. Alcuni dei clienti si sono lanciati all'inseguimento del ragazzo che, accortosi di essere stato scoperto, se l'è svignata gettando a terra il cellulare e il portafoglio sottratti dall'automobile, recuperati poi dal proprietario del veicolo che aveva dimenticato di chiudere a chiave la vettura.

Poco dopo, intorno alle 17.45, durante un controllo di routine su via Bertini gli agenti del Commissariato di Polizia di Forli hanno fermato un ragazzo privo di documenti. I poliziotti hanno riscontrato che il soggetto ricercato per il furto corrispondeva alle descrizioni della fermato, accertando in breve che si trattava proprio della stessa persona. Il ragazzo, un 29enne di origini marocchine, è stato denunciato per furto aggravato. Nel 2016 aveva già ricevuto un provvedimento di allontanamento dal territorio nazionale, al quale non aveva ottemperato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento