Corto circuito, fiamme alla Fustelpack di Bertinoro: densa colonna di fumo nero

L'allarme è scattato poco dopo le 8.30. Subito si sono mobilitati diversi mezzi dei Vigili del Fuoco di Forlì, con autopompe ed un'autoscala

FOTO DI CRISTIANO FRASCA

Una densa colonna di fumo nero, visibile a diversi chilometri di distanza, anche da Cesena e Forlì. Sono gli effetti di un incendio di vaste proporzioni che ha interessato giovedì mattina la Fustelpack di Bertinoro, in via Emilia. L'allarme è scattato poco dopo le 8.30. Subito si sono mobilitati una decina di mezzi dei Vigili del Fuoco del comando di viale Roma e da Cesena, con autopompe ed un'autoscala, ed una ventina di pompieri. Sul posto anche un'ambulanza, ma fortunatamente non ci sono stati feriti o intossicati.

LE INDAGINI - Le indagini sono a cura dei Carabinieri della Compagnia di Meldola, sul posto insieme ai colleghi della stazione di Bertinoro e agli agenti della Squadra Mobile. Le cause dell'incendio sono accidentali. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ad innescare le lingue di fuoco un cortocircuito nei fili elettrici che si trovano sotto il tetto del capannone, che ospita i macchinari per la modulazione dei cartonati. In quel momento si trovavano sul posto tre operai, che immediatamente hanno segnalato il fuoco. Le fiamme si sono rapidamente estese sul tetto della struttura, interessando anche buona parte del cartone presente. Immediatamente gli operai si sono radunati nei punti di concentramento, secondo quanto stabilito dalle procedure di sicurezza.

IL FUMO - Si è generata una densa colonna di fumo, che ha destato la curiosità di molte persone. Il vento, seppure debole, ha evitato che la nuvola nera si estendesse lungo la via Emilia, scongiurando problemi alla circolazione stradale. Inevitabili gli incolonnamenti comunque per curiosi. Il tetto è composto da policarbonato e cemento bianco. La nube non era tossica, come accertato dal personale tecnico dell'Arpa. L'intervento del personale del 115, che hanno impiegato diverse ore per aver la meglio sulle fiamme, ha evitato danni peggiori (ancora in fase di quantificazione, ma coperti da assicurazione). L'attività all'interno dell'impresa sono parzialmente riprese già nella tarda mattinata per quanto concerne le spedizioni. Il capannone è stato dichiarato inagibile. 

L'AZIENDA - L'azienda è specializzata nella produzione di imballaggi in cartone ondulato da oltre vent’anni. Nata per la produzione di scatole americane si è rapidamente espansa sino ad abbracciare l’intera gamma delle confezioni in cartone ondulato. "Il cartone - viene spiegato nel sito di presentazione dell'impresa - è prodotto direttamente dall’azienda, sia quello destinato agli imballi tradizionali che quello usato per gli imballi speciali (ortofrutta e carne), sul quale si effettua uno speciale trattamento antiumido. Il reparto di trasformazione consente di stampare il cartone a più colori con un sistema che ne garantisce l’alta definizione. La carta utilizzata è composta da materiale riciclato, oppure proviene da vivai in cui si applica un disboscamento programmato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento