Gioco d'azzardo, il Comune: "Incentivi anti-slot? Difficile trovare adesioni sul nostro territorio"

Entro il 16 dicembre (termine previsto dalle norme regionali), la Giunta Comunale di Forlì approverà la delibera con la mappatura dei luoghi sensibili

"Il Comune di Forlì è impegnato dall’anno 2012 a contrastare il gioco d’azzardo patologico e a prevenire la diffusione incontrollata di “Sale Giochi Slot e Videolottery”. Con il Regolamento urbanistico approvato dalla Giunta precedente si è scongiurato il proliferare di Sale Giochi e da allora non si sono avute nuove aperture". E' quanto afferma l'amministrazione comunale mercuriale, rispondendo alle osservazioni del Movimento 5 Stelle, a commento dei dati dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli sulle "puntate" nel 2016.

"L’impegno del Comune è proseguito e oggi Forlì è capofila dei Comuni dell’Unione della Romagna Forlivese - viene evidenziato -. In questo ruolo sta dando applicazione alle normative regionali approvate nel 2016 per contrastare il fenomeno. Contro il provvedimento regionale e le azioni dei Comuni sono stati presentati ricorsi dalle imprese del gioco. Anche al Comune di Forlì sono stati notificati questi provvedimenti, ma ciò non ha minimamente intimorito le amministrazioni che, al contrario, hanno deciso di fare fronte comune, proseguire nell’applicazione della norma con politiche realmente efficaci. Negli anni, proprio grazie alla collaborazione fra Comune, Prefettura, Questura e Sert, a Forlì il fenomeno delle ludopatie e delle dipendenze patologiche è stato monitorato e viene tenuto sotto controllo. Inoltre il dialogo con le associazioni di categoria e gli esercenti ha creato le condizioni per responsabilizzare maggiormente la comunità locale. La serietà del lavoro dell’amministrazione sta nella determinazione a raggiungere risultati certi e non limitarsi alle dichiarazioni sul contrasto alle ludopatie, argomento in cui si registra l’accordo unanime di tutto il Consiglio comunale di Forlì".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per questo motivo - viene annunciato - entro il 16 dicembre (termine previsto dalle norme regionali), la Giunta Comunale di Forlì approverà la delibera con la mappatura dei luoghi sensibili, cioè quelli che non possono vedere l’apertura e il funzionamento di “Sale Giochi Slot e Videolottery” in un raggio di almeno 500 metri. Contestualmente, si stanno condividendo con l’Unione dei Comuni della Romagna Forlivese provvedimenti per la limitazioni degli orari di apertura di queste attività, materia in evoluzione a seguito del recente Accordo in sede di Conferenza Stato Regioni Enti locali che dovrà tradursi a breve in un decreto ministeriale di riordino della materia. Auspichiamo che tale Decreto confermi l’impostazione restrittiva adottata dalla Regione Emilia Romagna e sostenuta dal nostro Comune. Per quanto riguarda gli incentivi agli esercizi che scegliessero di smettere queste attività (sconti sulle imposte comunali), si evidenzia come sia difficile trovare adesioni sul nostro territorio. Per questo stiamo valutando altre iniziative. Purtroppo bisogna avere la consapevolezza che solo provvedimenti legislativi possono realmente incidere sul contrasto e la limitazione di attività che producono un guadagno facile e elevato e che purtroppo può produrre patologie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il bollettino più nero per Forlì: tre morti. Deceduto anche un ragazzo di 26 anni, attivo negli Scout

  • Il coronavirus si è portato via il direttore di Romagna Acque Andrea Gambi

  • Coronavirus, oltre 30 positivi in più. Un morto a 'Villa Serena': scattano le massime misure di sicurezza

  • Coronavirus, si aggrava il bilancio delle vittime: tre morti nelle ultime 24 ore

  • Aziende, il premier firma il decreto: ecco le attività che possono restare aperte

  • Esplosione di contagi alla casa di riposo di Rocca San Casciano: 16 positivi, scatta l'isolamento

Torna su
ForlìToday è in caricamento