Giorno del Ricordo, il sindaco Drei depone un mazzo di fiori in via Martiri delle Foibe

"Il Giorno del Ricordo - ha evidenziato - è un anniversario di alto valore istituzionale e morale per la Repubblica Italiana"

Lunedì è prevista la cerimonia ufficiale. Ma domenica mattina il sindaco di Forlì, Davide Drei, si è recato alla pietra carsica in via Martiri delle Foibe per rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale. "Testimoniando l'attenzione e la partecipazione dell'intera comunita' forlivese ho onorato le persone, le famiglie e le comunità che hanno vissuto i drammi consumati lungo il confine orientale deponendo un mazzo di fiori", afferma il sindaco Drei. "Il Giorno del Ricordo - ha aggiunto - è un anniversario di alto valore istituzionale e morale per la Repubblica Italiana. Lunedì, alle 9.30, faremo la cerimonia ufficiale alla presenza degli studenti e delle associazioni. Ci incontreremo sempre qui e deporremo una corona commemorativa al cospetto della Pietra che e' diventata il punto di riferimento per queste drammatiche memorie e che insieme ai ragazzi del Liceo Artistico stiamo trasformando in elemento monumentale".

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

  • Trovata senza vita in casa, aveva dei lividi. Gli accertamenti escludono la morte violenta

Torna su
ForlìToday è in caricamento