Giorno della Memoria, Morrone (Lega) al Memorial dell'Olocausto: "Ancora oggi un forte anti-semitismo"

"Sono tuttavia anche convinto che dobbiamo evitare di cadere in una ripetizione stereotipata della frase ‘mai più’, rischiando di banalizzare la realtà dell’antisemitismo"

“Mai più. E lo dico pienamente convinto nella ricorrenza del Giorno della Memoria, in ricordo della Shoah del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti, istituita in Italia grazie alla legge 211 del 2000. Lo dico pienamente convinto dopo aver letto parte della sterminata bibliografia in tema di antisemitismo e dopo aver visitato di recente lo Yad Vashem, il memoriale dell’Olocausto, a Gerusalemme": è quanto scrive Jacopo Morrone, sottosegretario alla Giustizia e segretario della Lega romagnola. La ricorrenza è quella del Giorno della memoria.

"Sono tuttavia anche convinto che dobbiamo evitare di cadere in una ripetizione stereotipata della frase ‘mai più’, rischiando di banalizzare la realtà dell’antisemitismo. La Shoah è stato un unicum rispetto a tante altre enormi tragedie umane, ma è avvenuta in una storia di 1.700 anni di pregiudizio anti ebraico, che ha di volta in volta avuto matrici e fattori diversi e non solo la barbarie nazifascista. E l’obiettivo delle celebrazioni e delle iniziative assunte in questa ricorrenza dovrebbe essere quello di una profonda riflessione e di approfondimenti su questo male oscuro che ci accompagna da secoli. In modo da sviscerarlo nella sua complessità e non da banalizzarlo come una voragine oscura della storia circoscritta all’avvento dell’ideologia nazista. Perché purtroppo l’odio antisemita è tuttora più vivo che mai. E proprio nell’Europa del politicamente corretto e dei diritti umani".

"Secondo un recentissimo studio dell’Agenzia europea dei diritti fondamentali, in questi ultimi anni in Europa l’antisemitismo è riemerso esponenzialmente. C’è un odio antiebraico virulento in rete, ma anche per le strade e nelle scuole. I reati antisemiti sono aumentati in Germania del 10% nel 2018, in Francia, dove gli ebrei sono oggi meno dell’1 per cento, si sono moltiplicati i casi di intimidazione. Ma ricordiamo anche i recenti attentati a luoghi dell’ebraismo, le uccisioni e le sevizie subite da francesi di religione ebraica. E lo studio europeo rivela anche che sempre più spesso a monte c’è l’islamismo fondamentalista, come ha ricordato anche l’ex premier Manuel Valls, oltre che ideologie neonaziste o di estrema sinistra. Come non ricordare, poi, il dilagante antisemitismo del partito laburista britannico, sdoganato dal suo leader Jeremy Corbin che, come riportato dai media, ha collaborato con esponenti negazionisti e ha elogiato movimenti di estremisti antisemiti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ancora Morrone: "E che dire di ciò che leggiamo sull’antisemitismo esistente nei paesi scandinavi nonostante la popolazione ebraica sia davvero minimale. Non a caso si sta verificando un esodo, una migrazione di ebrei europei da situazioni insopportabili di intolleranza e pericolo nella civile Europa. Dunque, questa Giornata non deve rimanere circoscritta e ingessata ma sia sempre di più spunto per una reale presa di coscienza e di studi ben più allargati e complessivi sull’ebraismo e sull’odio antiebraico in modo da poter dire davvero ‘mai più’”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento