Gli insegnamenti artusiani in terra libanese per la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

Fra le varie città raggiunte da Casa Artusi in occasione della Settimana della cucina italiana nel mondo, il tour internazionale di 35 tappe svoltosi dal 21 al 27 novembre 2016, c'è stata anche Beirut

Fra le varie città raggiunte da Casa Artusi in occasione della Settimana della cucina italiana nel mondo, il tour internazionale di 35 tappe svoltosi dal 21 al 27 novembre 2016, c’è stata anche Beirut. La visita nella capitale libanese è avvenuta su invito del Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Edoardo Crisafulli, in collaborazione con l’assessorato alla cultura promozionale all’estero della Regione Emilia Romagna. La figura del gastronomo Pellegrino Artusi è stata ampiamente spiegata dal professore e semiologo Paolo Fabbri durante una conferenza tenutasi all’American University of Beirut.
 
A dare una dimostrazione pratica delle ricette artusiane è stata la Scuola di Cucina di Casa Artusi con il maestro di cucina Renato Bolsieri, ospitati alla Facoltà di Hospitality Management dell’Università La Sagesse diretta da Marc Ghaoui. Qui per tre giorni hanno lavorato a stretto contatto con studenti e insegnanti per preparare una cena per 150 ospiti. Il menù prevedeva prodotti a marchio DOP e IGP della Regione Emilia-Romagna e ricette Artusiane come i crostini di fegatini e acciughe (ricetta 115) e i fritti e tramessi: cotolette di carciofi (ricetta 187), crescioni (ricetta 195), tortini di ricotta (ricetta 249). I primi piatti consistevano in tagliatelle all’uso di Romagna (ricetta 71) e risotto coi gamberi (ricetta 82), gli arrosti e umidi erano composti da fricassea (ricetta 256), maiale arrostito nel latte (ricetta 551) e polpette (ricetta 314). Come erbaggi e legumi un tortino di petonciani (ricetta 403) e carciofi in umido colla nepitella (ricetta 417), mentre i pesci erano caciucco (ricetta 455) e seppie coi piselli (ricetta 500). Infine i dolci: la zuppa inglese (ricetta 675) e torta di mandorle e cioccolata (ricetta 646). Durante la permanenza di Casa Artusi a Beirut è stata allestita la mostra “Pellegrino Artusi e l’unità italiana in cucina” realizzata dal Comune di Forlimpopoli in collaborazione con Casa Artusi e l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia Romagna, l’Istituto italiano di cultura di Beirut e l’Ambasciata d’Italia in Libano.
 
L’esperienza libanese si aggiunge alle altre tappe artusiane della Settimana della Cucina italiana nel mondo (New York, Hong Kong e Manila, Lisbona, Berlino, Bruxelles, Lione, Parigi e Marsiglia, Monaco di Baviera e Montecarlo, Helsinki) per un viaggio all’insegna dei principi della buona cucina e della tradizione.
 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      E' ormai vicina la fusione tra Banca di Forlì e BCC Ravennate-Imolese

    • Cronaca

      Giovane musicista forlivese approda a "The Voice": "Fiera di essere sia italiana che albanese"

    • Cronaca

      Dallo spaccio di droga alle minacce via sms: pusher nella rete dell'Arma

    • Cronaca

      "La mafia esiste anche qui", per ricordarlo arriva la Mehari verde di Giancarlo Siani

    I più letti della settimana

    • La sorpresa vip in centro storico: nel negozio entra all'improvviso Emma Marrone

    • La badante rifiuta rapporti sessuali con l'anziano: lui si vendica e la spaccia per truffatrice

    • 298mila Richmond prodotti senza licenza: maxi sequestro da 20 milioni di euro

    • Era conosciuta da Nord a Sud: si è spenta la "Maga" di Pianetto

    • "L'ho fatto per problemi economici": preso il rapinatore della farmacia

    • Gestiva con la madre la fabbrica del cioccolato: si è spento il titolare della "Dolciaria"

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento