"Happy Family Expo": in fiera si guarda al futuro intanto che ci si diverte

La manifestazione fa parte quest’anno del programma di eventi territoriali del “Festival della Cultura Tecnica”

Apre le porte anche agli adolescenti nel suo nuovo format “Happy Family Expo”, la manifestazione della Fiera di Forlì che, con un format rinnovato e in un nuovo periodo dell’anno, si presenta in calendario nel prossimo week end al Quartiere Fieristico di via Punta di Ferro. Dai bimbi delle primarie a ragazze e ragazzi delle superiori che cominciano a pensare seriamente al futuro ingresso nel mondo del lavoro, tutte le età giovanili avranno i loro spazi dedicati e interessi in fiera. La manifestazione fa parte quest’anno del programma di eventi territoriali del “Festival della Cultura Tecnica”, un’iniziativa che valorizza la cultura tecnica partendo dall’investimento nel sistema di istruzione e collegandolo al sostegno della ripresa dell’industria locale. Il focus di questa quinta edizione 2018 del Festival è sul tema “Cultura tecnica per l’innovazione sociale”.

HAPPY FAMILY EXPO: LA VIDEO PRESENTAZIONE

Già in questi prossimi anni, la nuova offerta di lavoro sarà soprattutto per chi sia in possesso di competenze elevate, in un quadro di modelli di business e organizzazione del lavoro in costante evoluzione. Chi farà il proprio ingresso nel mondo del lavoro nei prossimi anni dovrà unire quindi la flessibilità con la specializzazione e gli sarà sempre più richiesto di saper pensare, comunicare, organizzare e decidere. Sono questi i cardini dell’incontro organizzato dalla Camera di Commercio della Romagna – Forlì, Cesena e Rimini – che vedrà l’intervento di Guido Caselli, direttore del Centro Studi e Ricerche di Unioncamere Emilia-Romagna seguito da alcune testimonianze di imprenditori del territorio; conclusioni affidate a Lubiano Montaguti, assessore comunale di Forlì con le deleghe a Politiche Educative e Formative, Istruzione, Università  e a Lavoro e Occupazione, che ne fanno la persona di riferimento per il territorio.

"La nostra manifestazione vede un coinvolgimento molto forte dell’amministrazione comunale e delle Istituzioni del territorio - dice Gianluca Bagnara, presidente della Fiera di Forlì - è un evento dove ci sarà la componente informativa mescolata alle aree del divertimento e della formazione. La crescita della persona è vista a 360° e ci sarà spazio per i nostri giovani di tutte le età, dai più piccoli delle scuole materne fino ai giovani delle superiori. Per loro abbiamo in programma due giornate di giochi, di svago e di pensiero se posso chiamarlo così: tanti spunti per guardare al futuro con leggerezza da un lato ma anche con riflessioni e ragionamenti dall’altro".

"Il tema di quest'anno è molto ampio - commenta Giuseppe Pedrielli, dirigente dell'ufficio scolastico provinciale -. Si vogliono creare le condizioni per fare sentire ai cittadini la scuola come un patrimonio. Gli istituto scolastici possono presentare ciò che stanno facendo come momento di sintesi di tutta l'attività didattica, una sorta di rendicontazione sociale per mostrare ciò che gli studenti possono diventare". Il sindaco Davide Drei parla di Happy Family come di "un'esperienza che ha avviato un percorso che rende centrale il tema delle generazioni, della famiglia e dell'educazione".

La cabina di regia di “Happy Family Expo” in questa sua nuova veste ha visto coinvolti, oltre che la Fiera ed il Comune, anche le Associazioni di categoria, la Camera di Commercio e i mondi del terzo settore e dell’istruzione: un modo innovativo di creare eventi per il territorio, uno stile organizzativo che Fiera di Forlì sta applicando sempre di più per coinvolgere e aggregare competenze e professionalità e far crescere così la qualità delle proposte del suo calendario. L’appuntamento in fiera è per sabato e domenica: padiglioni aperti dalle 9 alle 19 entrambe le giornate.

Numerosi i laboratori che saranno attivi in fiera entrambe le giornate di sabato e domenica, per tutte le età: dalle aree di gioco e dimostrative per attività di educazione stradale con simulatori al Kaleidobus, un’area dedicata ai giochi tradizionali in legno, alle letture e ai giochi di ingegno; dall’area di gioco libera dove bambini e ragazzi potranno divertirsi a costruire, modellare e creare con giochi di nuova generazione ai laboratori di robotica educativa e a quelli artistici per ragazzi nei quali, con gli strumenti tipici dei grandi street artist che a Forlì sono ormai di casa, i ragazzi verranno avvicinati all'arte e alla libera espressione con lo spirito di evitare il vandalismo e promuovere invece l'impegno personale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Strade di sangue, ancora una tragedia: drammatico schianto sulla via Emilia, un morto

  • Identificato il ciclista forlivese travolto ed ucciso da un suv. Gli amici: "Pedala in cielo"

  • Tira dritto alla rotonda della Tangenziale, si ribalta e distrugge l'auto: vivo per miracolo grazie alle cinture

  • Ruba il bancomat alle colleghe di lavoro, paga aperitivi e fa prelievi: incastrato dalla Polizia

  • Spese pazze dopo l'assalto alla sala slot: presi a Forlì dopo il colpo da 30mila euro

  • Prima il sopralluogo, dopo una settimana il colpo. Addormentano i cani, sfondano un muro e fan razzia di bici

Torna su
ForlìToday è in caricamento