I Musei San Domenico si aggiudicano il primo posto tra i siti culturali più visitati in Romagna

La mostra "Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia" ai Museo San Domenico ha ha chiuso i battenti domenica scorsa con ben 90.400 visitatori all’attivo

E' partita decisamente con il piede giusto la Romagna visit card 2017, la card turistica della destinazione unica di Romagna che integra e mette in rete l’offerta delle province di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini e, da quest’anno, anche Comacchio con il territorio ferrarese. Nel 2017 la “destination card” vede sul podio Forlì, con la mostra "Art Déco. Gli anni ruggenti in Italia" ai Museo San Domenico, che ha chiuso i battenti domenica scorsa con ben 90.400 visitatori all’attivo. I riverberi dell’Art Decò sono piaciuti a un pubblico sempre più giovane (il 44% dei visitatori ha un’età che va dai 45 ai 65% anni), con una chiara prevalenza del genere femminile“. Ravenna, invece, si aggiudica ben quattro posti tra i cinque siti culturali e monumenti più visitati in tutta la Romagna, da febbraio a maggio. Sul secondo gradino del podio c’è infatti la Domus dei Tappeti di Pietra, seguita dal Mausoleo di Teodorico, dalla Cripta Rasponi e Giardini Pensili e dalla Basilica di Sant’Apollinare in Classe: complessivamente, i quattro siti hanno fatto registrare già circa 1.100 ingressi da parte dei possessori della card.

A quattro mesi dal lancio, le card vendute nel ravennate sono state oltre 500, quasi la metà di quelle acquistate nei punti vendita di tutta la Romagna. A queste si aggiungono quelle in formato digitale, opzione che è stata preferita dal 20% degli utenti complessivi (nel 2016, in questo stesso periodo, erano stati l’8%). Ad acquistarle, soprattutto italiani, per circa un terzo provenienti da altre regioni. In totale sono 54 i siti a ingresso gratuito compresi nell’offerta della card, ai quali si aggiungono oltre 60 proposte ad ingresso ridotto, con sconti fino al 50%: cultura, natura, eventi, benessere e divertimento. La tessera include tutte le eccellenze e gli ambiti che rendono unico il territorio agli occhi del turista, senza dimenticare le agevolazioni sui trasporti, grazie alle collaborazioni con Start Romagna e con i servizi (shuttle) che collegano la Romagna all’aeroporto di Bologna. Il tutto al costo di 17 euro, a fronte di un risparmio complessivo calcolato di 260 euro rispetto all’acquisto dei singoli biglietti a prezzo intero. Valida fino al prossimo 6 gennaio, la card consente di visitare la Romagna più volte nel corso dell’anno (unica condizione: ogni sito è fruibile una volta sola) e può essere acquistata on line o nei 70 punti vendita.

Il progetto Romagna visit card, studiato e gestito dall’Ati econstat (Bologna) e Integra solutions (Forlì), specializzati rispettivamente nella promozione turistica e nel marketing territoriale, è realizzato in collaborazione con le province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini, il comune di Comacchio e Apt Servizi. Patrocina l’iniziativa il Polo Museale dell’Emilia Romagna. Principale sostenitore è Romagna Acque che, per il secondo anno consecutivo, ha scelto di rafforzare il legame con il proprio territorio di riferimento e con la comunità a cui da oltre 50 anni rivolge i propri servizi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • Nuova avventura imprenditoriale per il "Big Boss": il re degli hamburger rilancia uno storico ristorante

  • L'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì torna in televisione in prima serata sulle reti Rai

  • E' in Rianimazione per la meningite, scatta la profilassi per ben 80 persone entrate in contatto col malato

  • Avanza il buio e per la stanchezza perde l'orientamento: disavventura per una cercatrice di funghi

  • Nuovo caso di meningite: paziente ricoverato in Rianimazione. Scattata la profilassi

Torna su
ForlìToday è in caricamento