Tumori della pelle, prestigioso incarico per il dottor Ignazio Stanganelli: "Il melanoma ha un elevato impatto sociale"

Per il professor Stanganelli si tratta del più recente riconoscimento del valore professionale e di ricerca raggiunto

Per il prossimo triennio, Ignazio Stanganelli, direttore del Centro Clinico-sperimentale di Oncodermatologia - Skin Cancer Unit dell’Istituto Tumori della Romagna (Irst) Irccs e professore associato dell’Università di Parma, sarà il presidente dell’Intergruppo Melanoma Italiano (Imi). Per il professor Stanganelli – da tempo animatore dell’importante realtà associativa dedicata a questa seria patologia che colpisce principalmente la pelle – si tratta del più recente riconoscimento del valore professionale e di ricerca raggiunto.

L’IMI svolge la propria attività nel campo della ricerca scientifica e sanitaria in campo oncologico per contribuire all’approfondimento epidemiologico, preventivo, biologico, molecolare, diagnostico, clinico, terapeutico e sperimentale delle problematiche attinenti principalmente il melanoma ma anche i tumori maligni non melanoma. Di notevole valore anche l’apporto dell'Imi dal punto di vista scientifico con numerosi studi compiuti o in corso di attuazione nell’ambito delle diverse aree di attività, con risultati che collocano l’associazione tra i gruppi cooperativi più̀ efficaci nel contesto nazionale ed internazionale.

"Il melanoma maligno - spiega il professor Stanganelli - rappresenta la neoplasia con il più elevato aumento di incidenza negli ultimi decenni nella popolazione bianca occidentale; in Italia è al secondo posto nei maschi e al terzo posto nelle donne prima dei 50 anni. Siamo, pertanto, davanti a una patologia che ha un elevato impatto sociale, la cui diagnosi e trattamento richiedono un approccio multidisciplinare. Sono particolarmente orgoglioso di questo incarico perché l’Imi rappresenta un reale gruppo multidisciplinare nazionale che riunisce tutte le migliori vocazioni italiane impegnate dalla diagnosi allo studio del melanoma maligno".

Le azioni promosse dell’Imi nel prossimo triennio con la presidenza del professor Stanganelli mirano ad aumentare la consapevolezza e la rilevanza del melanoma come problema sociale; continuare a promuovere azioni sulla prevenzione primaria nelle scuole in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione (Miuri); rafforzare e sviluppare il collegamento e la cooperazione tra i rappresentanti di discipline diverse su tutto il territorio nazionale per la creazione e la valorizzazione dei team multidisciplinari, di organizzare e coordinare studi multicentrici e multidisciplinari; organizzare l'attività di formazione di operatori sanitari e volontari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Spero che con la mia presidenza - conclude il prof Stanganelli - si possa sviluppare anche in Romagna una reale e fattiva presenza di un team multidisciplinare che possa valorizzare le migliori vocazioni presenti in questa area, sia nell'ambito dell'Ausl della Romagna sia dell'Irccs  Irst, nell'ambito del progetto Interaziendale così da mantenere elevati gli standard qualitativi e garantire al paziente il migliore percorso e prossimità di diagnosi e cura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento