Terribile scontro frontale sulla Tangenziale: il 35enne non ce l'ha fatta

La vittima era stata trasportata al Trauma Center dell'ospedale "Maurizio Bufalini" con l'elimedica, ma nel cuore della notte tra venerdì e sabato è deceduto

Il suo cuore si è spento poche ore dopo il drammatico schianto. Non ce l'ha fatta Enrico Garroni, il 35enne rimasto gravemente ferito nell'incidente stradale verificatosi venerdì mattina lungo la Tangenziale di Forlì. La vittima era stata trasportata al Trauma Center dell'ospedale "Maurizio Bufalini" con l'elimedica, ma nel cuore della notte tra venerdì e sabato è deceduto. La sciagura si è materializzata nel tratto in cui la strada è a carreggiata unica e il traffico veicolare è diviso da una doppia riga continua e non dallo spartitraffico, vale a dire tra la rotonda di via Monda e lo svincolo di via Placucci.

Proprio l'assenza del new jersey centrale è stato fatale per l'automobilista. Per cause ancora in corso di accertamento agli agenti della Polizia Locale dell'Unione dei Comuni della Romagna Forlivese, la "Fiat Punto" a bordo della quale Garroni procedeva in direzione autostrada, è finita frontalmente contro un autoarticolato che andava in senso opposto, verso monte. L'impatto ha sventrato l'utilitaria e il conducente è rimasto gravemente ferito. Soccorso dal personale  del 118 e dalle squadre dei vigili del fuoco è stato caricato sull'elimedica e ricoverato al trauma center dell'ospedale Bufalini di Cesena in condizioni gravissime.

Nell'impatto il rimorchio dell'autoarticolato è finito steso sull'asfalto, ingombrando entrambe le corsie, mentre a bordo strada, a cavallo del fosso laterale di scolo, si è fermata la motrice con il cassone. Il mezzo viaggiava pieno di merce e quindi le operazioni di sgombero della strada vengono indicate come lunghe, in quanto va prima svuotato il rimorchio ribaltato dal suo carico, un prodotto secco e non pericoloso. Per permettere i soccorsi, la rimozione dei mezzi ed i rilievi il tratto di Tangenziale era stato chiuso fino al tardo pomeriggio. La Polizia Locale ha operato per i rilievi anche con un drone. Nella notte tra venerdì e sabato la tragica notizia della morte.

Su Facebook lo ricorda il gruppo I-padel Ravenna: "E' venuto a mancare un amico, uno di quei ragazzi conosciuti sui campi da padel, che ha saputo dal primo giorno farsi amare e apprezzare per il suo sorriso e la sua disponibilità, per il rispetto dentro e fuori dal campo. Ci si ritrova sui campi da padel come compagni, come amici, e si crea qualcosa di magico che in qualche modo ci lega. Così abbiamo conosciuto Enrico Garroni. E' venuto a mancare uno di noi, un amico. Ed è con tristezza che ci stringiamo al fratello Marco ed a tutta la sua famiglia in questo momento di profondo dolore".

Potrebbe interessarti

  • Top Hairstylist in città: scopri a chi affidare il tuo prossimo cambio di stile

  • Cattivi odori addio: ecco come pulire i bidoni della spazzatura

  • Nausea e cerchi alla testa? 5 rimedi per far passare prima la sbornia

I più letti della settimana

  • Giovane harleysta morto sulla Cervese, la fidanzata in prognosi riservata. C'è un testimone della sciagura

  • Va alla scoperta delle bellezze rurali, un infarto lo uccide: la vittima è un volto noto di Forlì

  • Tragico incidente all'alba: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Tragedia nella notte: si schianta contro un albero, muore una 26enne

  • Ancora sangue sulle strade: sciagura in serata, muore un 28enne forlivese

  • Dramma sulla Cervese, incredulità e dolore: gli amici ricordano il "gigante buono"

Torna su
ForlìToday è in caricamento