Insetti, allarme della Vape Foundation: crescono le infestazioni da zanzara tigre

Le previsioni, in coincidenza con l'innalzamento delle temperature, coinvolgeranno anche la zona settentrionale della penisola con la maggiore presenza di fiumi e falde acquifere

Secondo i dati del bollettino meteo di Vape Foundation  fino a mercoledì sarà Forlì-Cesena una delle province con l’indice potenziale di infestazione di zanzara tigre più alto, in una scala di intensità da 0 a 4, con una tendenza futura in crescita e un indice di calore compreso tra 27 e 31 gradi. Tra le oltre 3mila specie esistenti (di cui 70 nel nostro paese), la zanzara tigre, arrivata in Italia nel 1990 con il commercio dei copertoni usati, negli ultimi tempi sta crescendo sempre di più, proliferando da nord a sud.

Le previsioni, in coincidenza con l’innalzamento delle temperature, coinvolgeranno anche la zona settentrionale della penisola con la maggiore presenza di fiumi e falde acquifere, luogo privilegiato da questi insetti per il deposito delle uova.

Zanzara tigre: tutti i Comuni hanno approvato le ordinanze stagionali ed avviato i trattamenti antilarvali delle caditoie pubbliche. Per non vanificare questo lavoro, i cittadini devono contemporaneamente avviare i trattamenti antilarvali nelle pertinenze private nonché fare particolare attenzione alla rimozione/inattivazione dei ristagni di acqua, possibili focolai di sviluppo larvale. Dalla seconda metà di maggio è avviato il monitoraggio mediante 164 ovitrappole (dispositivo atto a valutare la presenza di zanzara nel territorio grazie al numero di uova deposte) distribuite in tutto il territorio forlivese.

Si evidenzia che i trattamenti adulticidi, spesso utilizzati dai cittadini, non assicurano una efficacia e duratura limitazione della presenza di adulti e che l'unica strategia di controllo dello sviluppo delle popolazioni di zanzare è rappresentato dal controllo dei focolai larvali.

Zanzara comune: nei confronti di questa specie sono maggiormente coinvolti i Comuni con territori pianeggianti; in questi casi le Amministrazioni Comunali effettuano interventi antilarvali nei fossi e canali. Si tratta di focolai presenti prevalentemente in ambito pubblico; va comunque specificato che in area periferica/rurale è frequente la presenza di fossi di scolo adiacenti alle abitazioni che, essendo in area privata, devono essere trattati come specificato per le caditoie. In questo caso il monitoraggio delle popolazioni di zanzara e lo studio della circolazione virale (West Nile) è a carico della Regione Emilia Romagna che, anche con il coinvolgimento del Servizio Veterinario delle Ausl e dell’Izsler, mantiene sotto controllo la situazione.

Flebotomi (Pappataci): nei confronti di questo vettore la lotta antilarvale risulta difficile per l’enorme quantità di potenziali focolai di sviluppo (qualunque sito con presenza di sostanza organica che mantenga situazioni costanti di umidità e temperatura nonché in assenza di luce) lasciando come unica possibilità di difesa la ricerca di tutti i sistemi possibili per evitare la puntura. Pertanto può essere utile mantenere ben pulito il giardino o il cortile da raccolte di foglie, sfalci d’erba, rifiuti dove l’insetto può trovare riparo e compiere il proprio ciclo e applicare zanzariere a maglie molto fitte.

In situazioni particolari potranno essere effettuati dalle amministrazioni comunali, interventi adulticidi, previa richiesta all'Ausl, che in seguito alla valutazione delle situazione, autorizza l'intervento. Passando al trattamento antilarvale delle caditoie pubbliche, tutti i comuni effettueranno interventi definiti in base alle caratteristiche territoriali e climatiche.

In totale saranno trattati circa 60mila tombini, 44mila nel territorio di Forlì, (in media per 5-6 turni) con prodotti antilarvali specifici e di sicura efficacia, testati da organi e centri specializzati. Per quanto riguarda il Comune di Forlì, saranno effettuati controlli e sopralluoghi per verificare eventuali violazioni; affinchè le strategie messe in atto siano efficaci, è determinante la collaborazione dei cittadini, solo attraverso gli interventi nelle proprietà private si possono ottenere buoni risultati nel contenimento della proliferazione della zanzara.

Per ulteriori informazioni
Numero verde gratuito del Servizio Sanitario della Regione 800 033 033

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro frontale sulla via per la Tangenziale: uno degli automobilisti non ce l'ha fatta

  • Dramma in A14, auto si schianta fuori strada e si ribalta nel fosso colmo d'acqua: un morto ed una donna ferita

  • Si ritrova "sgraditi ospiti" nella minestra: protesta per le larve nel pacco di pasta

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Scontro frontale sotto il diluvio nei pressi della Tangenziale: due feriti, uno è gravissimo

  • Nuova avventura per Riccardo La Corte: brindisi d'inaugurazione per il nuovo ristorante che porta il suo nome

Torna su
ForlìToday è in caricamento