Testimone della seconda guerra mondiale: il parco di CavaRei intitolato al maestro Adler Raffaelli

Si è trattato, spiega il sindaco Davide Drei, di "un momento speciale in un giorno speciale, il 74’ anniversario della Liberazione di Forlì, in un luogo speciale, fino a poco tempo fa periferico e abbandonato".

Si è svolta venerdì mattina l’intitolazione del parco di CavaRei al maestro Adler Raffaelli, testimone della seconda guerra mondiale, insegnante, giornalista, uomo delle Istituzioni, impegnato con passione e dedizione alla sua città. Si è trattato, spiega il sindaco Davide Drei, di "un momento speciale in un giorno speciale, il 74’ anniversario della Liberazione di Forlì, in un luogo speciale, fino a poco tempo fa periferico e abbandonato".

Il primo cittadino parla di "due storie importanti che si incontrano. Quella di Adler, educatore a tutto campo, e quella di CavaRei, storia collettiva e di solidarietà nella quale, come diceva Adler, ritroviamo lo spirito di cittadinanza e partecipazione. Ed è significativo che questo incontro avvenga nel giorno in cui ricordiamo la rinascita di Forlì, insieme a Istituzioni e cittadini di generazioni diverse. Grazie a chi ha lavorato e reso possibile questo momento emozionante".

L'INTITOLAZIONE: IL VIDEO DELLA CERIMONIA

Potrebbe interessarti

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • 7 cose da fare in casa prima di partire per le vacanze: tu le hai fatte?

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • Dipendente comunale ucciso dalla meningite fulminante, profilassi anche in alcuni uffici municipali

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento