Ipercorpo e la scelta del silenzio, una riflessione di Elisa Gandini e Davide Fabbri

I curatori della sezione Musica del festival: "La musica ci ritroverà se sapremo mantenerci vigili nell'attesa"

Continuano le riflessione dei curatori del festival Ipercorpo sul “tempo reale” sviluppate a partire dall’emergenza Coronavirus che stiamo vivendo. Questa volta tocca a Elisa Gandini e Davide Fabbri, curatori della sezione Musica.

"Lo schermo è bianco, tremolante. Le parole si formano ed annullano, in un gioco affabulatorio, in cui tutto ciò che si compone è stato precedentemente scomposto con cura. Faccio appello al metodo che, per eccellenza, abbiamo sentito nostro, lungo questo percorso di lavoro condiviso in anni di passioni scandagliate, scambiate, rinnovate, perse, consumate, ritrovate. Ti scrivo.

Il balletto bulimico di opinioni mi ha spinta fuori dai confini di un tavolo di confronto imbandito con opulenza, verso l’osservazione, l’ascolto, il racconto, ma non verso la produzione instancabile di nuovi modelli e altre proposte, che pure accolgo con curiosità e fiducia. La scelta del silenzio è quella che mi veste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anni trascorsi ad interrogarsi ed a ricercare una nuova qualità dell’ascolto, in termini di scelta squisitamente personale, di presenza al presente, scovando strade, proponendo modalità di fruizione diverse, conquistando punti di partenza, ed ecco sopraggiungere una variabile assai critica. Anche costretti ad ascoltare, ci troviamo per lo più inermi e con strumenti di codifica insufficienti: dunque, chiedo, l’endiadi di vacuità è l’unica che produce onde nello stagno in cui affondiamo i piedi? Era musica quella che abbiamo ascoltato nelle e dalle nostre case? Che suono era quello che ci ha inseguito in questi mesi? Ne abbiamo catturato uno, cosa rimane o cosa si (ri)genera? Torno a (ri)lanciare il quesito. La musica ci (ri)troverà se sapremo mantenerci vigili nell'attesa, se, per prima cosa e con urgenza estrema, torneremo abili all’ascolto ed allo sguardo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia: la giornata al fiume finisce in tragedia, muore una ragazza

  • C'è anche una media del 10, ecco gli studenti più bravi del liceo scientifico

  • La Polizia segue il viaggio in treno del cliente, due pusher finiscono in arresto

  • Fa una gita con gli amici e inciampa in una radice: portata al 'Bufalini' in elicottero

  • Scuole: ragioneria raddoppia le prime, lo Scientifico con una succursale. "Didattica a distanza a rotazione"

  • Nuovi focolai di covid-19 nel Forlivese, Zattini: "L’epidemia non è finita. Non abbassiamo la guardia"

Torna su
ForlìToday è in caricamento