Iscrizione degli albi dei Giudici Popolari per le Corti di Assise e di Appello, scadenza il 31 luglio

E’ fissato al giorno 31 luglio il termine ultimo per l’iscrizione agli albi dei Giudici Popolari per le Corti d’Assise e le Corti d’Appello.

E’ fissato al giorno 31 luglio il termine ultimo per l’iscrizione agli albi dei Giudici Popolari per le Corti d’Assise e le Corti d’Appello. Ai fini dell’iscrizione è necessario essere in possesso della cittadinanza italiana, godere dei diritti civili e politici, essere nella fascia d’età compresa tra i 30 ed i 65 anni, essere in possesso della licenza di scuola media di primo grado per le Corti d’Assise e di scuola media di secondo grado per le Corti d’Assise d’Appello, nonché dimostrare di avere una buona condotta morale.

Sono esclusi dagli albi i magistrati e più in generale i funzionari in attività di servizio appartenenti all’ordine giudiziario, il personale delle forze armate dello stato o di altri organi di polizia, i ministri di culto e i religiosi di ogni ordine e congregazione. Il modulo di domanda per l’iscrizione è disponibile presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico e  l’Ufficio Elettorale del Comune di Forlì, piazzetta della Misura n.5, o scaricabile dal sito web del Comune di Forlì: www.comune.forli.fc.it.

Per informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio Elettorale, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 13.00 chiamando il seguente numero 0543 712864.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Altro colpo al commercio in centro: due chiusure a pochi metri nel cuore dello shopping

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • L'allarme suona, nella borsa spunta un portafogli rubato: "Potrebbe essere stato nostro figlio"

Torna su
ForlìToday è in caricamento