La truffa dell'assicurazione auto corre via sms. Ma i Carabinieri stanano il malvivente

La vittima, dopo aver richiesto un preventivo online per l’assicurazione della sua auto, era stata contattata tramite sms da un sedicente dipendente di un’agenzia assicurativa

I Carabinieri di San Martino in Strada, al termine di un'attività investigativa, hanno denunciato a piede libero con l'accusa di truffa un 49enne napoletano, già noto alle forze dell'ordine. La vittima, dopo aver richiesto un preventivo online per l’assicurazione della sua auto, era stata contattata tramite sms da un sedicente dipendente di un’agenzia assicurativa che con artifici e raggiri era riuscito a convincerla a stipulare la polizza, provvedendo ad effettuare un versamento tramite ricarica postepay della somma di 370 euro. Insospettitasi del mancato recapito del documento, il malcapitato ha contattato l’agenzia assicurativa che ha disconosciuto la procedura di richiesta di pagamento tramite sms. L’accaduto è stato poi denunciato ai Carabinieri, che hanno effettuato diversi accertamenti, individuando il mittente del “messaggio truffa”.      

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Virus 'clinicamente sparito' anche in Romagna? No, circola ma poco. Ecco cosa sta accadendo

Torna su
ForlìToday è in caricamento