I bimbi di Roncadello e l'orchestra Masini portano in concerto il "Re Leone"

Grazie ad un progetto finanziato dalla Regione che promuove la musica come elemento formativo e aggregativo gli alunni della scuola elementare Decio Raggi canteranno sette canzoni del Re Leone insieme all'orchestra giovanile del Masini

L'unione delle forze del consiglio docenti della scuola elementare "Decio Raggi" di Roncadello e dell'Istituto musicale Angelo Masini e la voglia di proporre agli alunni qualcosa di nuovo, ha portato alla realizzazione del concerto "Simba il re" che si terrà sabato al Polisportivo Cimatti di Roncadello. Il titolo dell'evento porta il nome di uno dei protagonisti del famoso cartone animato Walt Disney, il Re Leone. I circa 140 alunni della scuola elementari, infatti, verranno accompagni dall'orchestra giovanile del Masini nell'esibizione di sette brani tratti dalle colonne sonore del film d'animazione.

L'evento rappresenta la tappa finale del primo anno del progetto biennale "La città musicale" finanziato dalla Regione Emilia Romagna e del quale l'Istituto Masini è promotore e titolare. "Il percorso che ci ha portato fin qui - dice Paolo De Lorenzi, curatore del progetto - è stato caratterizzato da una serie di laboratori musicali all'interno della scuola Decio Raggi per promuovere la musica come elemento formativo e aggregativo, stimolando le capacità creative degli alunni e avvicinandoli al mondo musicale. Il tutto è nato come un'orchestra formata da elementi proventi dall'organico della scuola e del Masini che hanno lavorato insieme in armonia. All'inizio il progetto doveva essere proposto soltanto alle classi prime e quarte della scuola elementare di Roncadello, poi l'entusiasmo generale ci ha portato ad inglobare la totalità dei bambini. Siamo lieti di poter proporre un'ulteriore esperienza ai bambini: abbiamo organizzato ulteriori approfondimenti musicali che si svilupperanno la settimana che seguirà la chiusura delle scuole a giugno, prolungando così in qualche modo la frequentazione della scuola con una forte risposta positiva da parte dei genitori degli alunni".

La musica può essere uno strumento utile per la formazione scolastica dei bambini in quanto "unisce al divertimento il lavoro di squadra; la musica è armonia ma è anche concentrazione e per approciarvisi è necessaria anche molta concentrazione - dice Raffaella Alessandrini, responsabile dell'ufficio scolastico provinciale - . L'insegnamento della musica dovrebbe essere, secondo me, curriculare a partire dalle elementari perchè aiuta gli alunni a stare insieme e ad entrare nella prospettiva del "noi" uscendo da quella dell' "io" ". Anche la dirigente della scuola elementare di Roncadello esprime il suo entusiasmo nei confronti di questo progetto, in vista dell'evento finale di sabato: "Con la musica possiamo aiutare i bambini a coltivare il gusto esteti oltre che a sviluppare abilità trasversali come l'ordine e il rigore ma sempre divertendosi cantando le canzoni del Re Leone accompagnati da un'orchestra". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rogo, evacuato per una notte il condominio. Straniero di passaggio soccorre gli anziani

  • Salute

    Salute, per il periodo natalizio si potenzia il servizio di guardia medica: gli orari

  • Salute

    Le ultime novità nell’ambito del Glaucoma al centro di un congresso

  • Scuola

    All'open day della scuola Pio Squadrani ci sarà anche Babbo Natale

I più letti della settimana

  • Targhe straniere, scatta il giro di vite: debutta la nuova norma del Codice della Strada

  • Tre trentenni mettono su un piccolo "impero" di quattro pizzerie d'asporto

  • Edicolante immobilizzato da quattro banditi e derubato, ma reagisce e fa arrestare una di loro

  • Furto in piena notte al supermercato: la Guardia di Finanza lo coglie sul fatto e lo arresta

  • Incidente a Forlimpopoli, due auto si scontrano frontalmente all'uscita della rotonda

  • Rogo, evacuato per una notte il condominio. Straniero di passaggio soccorre gli anziani

Torna su
ForlìToday è in caricamento