"No alla chiusura della PolStrada di Rocca": il Siulp manifesta davanti la Prefettura

Nell’occasione sono stati esposti esposti striscioni, manifesti e distribuiti volantini per denunciare "i gravi danni alla sicurezza delle arterie che comporterebbe tale decisione"

In difesa del distaccamento di Polizia di Rocca San Casciano, il Siulp (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia) di Forlì-Cesena, si è dato appuntamento giovedì mattina in Piazza Ordelaffi, davanti alla sede della Prefettura, per manifestare contro la chiusura del distaccamento. Nell’occasione sono stati esposti esposti striscioni, manifesti e distribuiti volantini per denunciare "i gravi danni alla sicurezza delle arterie che comporterebbe tale decisione". Presente anche il sindaco di Forlì e presidente della Provincia, Davide Drei, e il primo cittadino di Rocca, Rosaria Tassinari. Presente, in segno di solidarietà, anche l'Asaps, l'Associazione sostenitori e amici della Polizia Stradale.

I SINDACI - Sulla problematica, arrivano anche le dichiarazioni del Sindaco di Forlì e Presidente dell'Unione dei Comuni Davide Drei, e del Sindaco di Rocca S. Casciano Rosaria Tassinari, a margine dei lavori che si sono svolti giovedì mattina in Prefettura. "Auspico che le preoccupazioni espresse dal territorio vengano accolte a Roma e in particolare negli uffici di chi è deputato a decidere nel merito - sottolinea il Sindaco di Rocca San Casciano, Rosaria Tassinari -, anche alla luce dell'incontro che abbiamo avuto, io e l'onorevole Marco Di Maio, presso il Ministero dell'Interno nei giorni scorsi".

"Siamo fiduciosi che un messaggio unanime da parte del nostro territorio, che giunge dai Sindaci e dalle Istituzioni dello Stato a livello provinciale - ribadisce il Sindaco di Forlì e Presidente dell'Unione dei Comuni, Davide Drei -, non potrà che trovare immediata accoglienza, per la revisione degli orientamenti annunciati.
Vigileremo, comunque, nei rapporti diretti con il Ministero, affinché le istanze fin qui avanzate vengano recepite, escludendo qualsiasi intervento in senso soppressivo, che si rivelerebbe dannoso anche dal punto di vista economico".

IL SIULP - "Un progetto che va rispedito al mittente con fermezza e senza indugi": lo dice il segretario provinciale del Siulp Roberto Galeotti nel ribadire la necessità, "di mantenere e di rinforzare un reparto che ha dimostrato un elevato livello di efficienza con soli 8 dipendenti, a fronte dei 19 previsti, tutti impiegati su strada, giorno e notte.
Si condividono le preoccupazioni dei Sindaci che si vedono “depredati” di un Ufficio di Polizia efficiente in relazione al personale, senza essere stati coinvolti. Una beffa per il Comune di Rocca S.C. che già deciso di sostenere le spese per la nuova sede della Polizia. Una decisione frettolosa e non prevista nel programma nazionale di chiusura predisposto da oltre un anno dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza".

"Una decisione sclerotica che contrasta con i principi di efficacia, efficienza ed economicità e, se queste sono le intenzioni - conclude Roberto Galeotti -  si pretende anche la chiusura di tutti i presidi delle Forze dell’Ordine in provincia con organici inferiore ad 8 operatori. La Segreteria Nazionale del SIULP in queste ore interviene presso il Ministro dell’Interno per fermare questo scempio in danno dei cittadini. Il SIULP nei prossimi giorni, oltre ad incontrare Prefetto e Sindaci interessati, si farà promotore di iniziative di protesta sul territorio, coinvolgendo la cittadinanza".

IMG-20160128-WA0001-2

IMG-20160128-WA0002-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Virus 'clinicamente sparito' anche in Romagna? No, circola ma poco. Ecco cosa sta accadendo

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

Torna su
ForlìToday è in caricamento