homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Dopo la siccità di dicembre il ritorno delle piogge: sale il livello della diga di Ridracoli

Era dal 1989 che nel mese di dicembre non pioveva così poco e proprio allora si inaugurava una anomala siccità invernale, evento che si sarebbe poi ripetuto anche nel 2002 e nel 2007

E finalmente pioggia fu. Dopo una quarantina di giorni caratterizzati dalla presenza dell'alta pressione, finalmente si è riaperta l'autostrada delle perturbazioni atlantiche, assenti per tutto l'autunno. Era dal 1989 che nel mese di dicembre non pioveva così poco e proprio allora si inaugurava una anomala siccità invernale, evento che si sarebbe poi ripetuto anche nel 2002 e nel 2007. "E’ difficile individuare con sicurezza le cause di tale intensa anomalia - evidenzia l'Arpa nell'analisi relativa al lungo periodo senza precipitazioni - ma non si esclude che sia collegata alle attuali anomalie climatiche globali associate al verificarsi di un intenso El-Nino nel Pacifico tropicale e di un vortice artico particolarmente intenso e concentrato".

"Analizzando la situazione sinottica - continua il rapporto di Arpa - si nota come già dalla fine di novembre e per tutto il mese di dicembre, la corrente a getto si sia disposta, con valori molto intensi, alle latitudini più settentrionali: l´aria mite dell´oceano atlantico è stata così spinta con decisione fino ai settori più orientali della massa continentale euro-asiatica". In tutta la regione, sommando i due mesi di novembre e dicembre, sono attesi mediamente (clima 1991-2010) tra 120 e 150 mm in pianura. Invece hanno dominato nebbie o nubi basse sulla pianura, che hanno determinato elevate condizioni di inquinamento. Ne ha risentito la diga di Ridracoli, il cui volume attualmente è di poco più di 14 milioni di metri cubi. Con gennaio sono arrivate le tanto auspicate piogge, anche se per il momento non abbandonati. E pioverà ad intermittenza per tutta la settimana, complice l'afflusso di correnti occidentali umide che determineranno anche un lieve aumento delle temperature.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Gravi ustioni sul 100% del corpo: nel rogo in tangenziale prende corpo l'ipotesi suicidio

    • Cronaca

      Si picchiano nel cuore della notte: la polizia seda la rissa

    • Cronaca

      Wiki Loves Monuments, "liberate" decine di monumenti per il grande contest fotografico

    • Politica

      Terremoto, l'ex vicesindaco: "Rinunciare alla tangenziale per rendere sicure le case"

    I più letti della settimana

    • Terremoto, sepolti dalle macerie: coniugi forlivesi perdono la vita ad Amatrice

    • Gravi ustioni sul 100% del corpo: nel rogo in tangenziale prende corpo l'ipotesi suicidio

    • Si getta dall'auto in fiamme in galleria: è gravissimo. Tangenziale in tilt

    • Dopo McCurry arriva a Forlì la grande fotografia di Sebastiao Salgado

    • Terremoto in Centro Italia: si mette in moto anche da Forlì la macchina dei soccorsi

    • Poca igiene, i Carabinieri chiudono un negozio di ortofrutta in centro

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento