Il mondo della sanità e del volontariato forlivese piange la scomparsa di Giorgio Maltoni

Lo scorso dicembre era stato festeggiato per i suoi cinquant'anni di adesione al Rotary Club Forlì, ricevendo una lettera personale dal presidente internazionale del Rotary, Barry Rassin

Lutto nel mondo della sanità e del volontariato forlivese. Si è spento lunedì all'età di 92 anni Giorgio Maltoni, già primario di Urologia dell'ospedale "Morgagni" di Forlì e presidente emerito della sezione forlivese “Claudio Matteucci” dell’Associazione italiana donatori organi (Aido). Lo scorso dicembre era stato festeggiato per i suoi cinquant'anni di adesione al Rotary Club Forlì, ricevendo una lettera personale dal presidente internazionale del Rotary, Barry Rassin.

Il figlio Marco Maltoni è direttore dell’Unità Cure Palliative dell’Ausl Romagna, sede di Forlì, nonché responsabile scientifico dell’associazione Amici dell’Hospice. "Ci mancheranno la sua grande umanità, la vitalità e la grande capacità di far sentire ogni persona unica e insostituibile - commentano dall'Admo -. Lo ricorderemo sempre con grande affetto, per il suo impegno costante nella divulgazione della Cultura del Dono". I funerali si terranno giovedì pomeriggio alle 14.30 alla chiesa di Regina Pacis, con partenza dalla camera mortuaria alle 14.15. Al termine delle esequie seguirà la tumulazione al cimitero di Bussecchio. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si uniscono al cordoglio anche il sindaco Gian Luca Zattini e Valerio Melandri, assessore all'Università e Cultura: "Medico, uomo del volontariato e padre nobile della cultura del dono: il professor Giorgio Maltoni ha dedicato il suo intero percorso di vita al servizio agli altri, alla Città, al territorio. Se la carriera professionale lo aveva portato a diventare Primario dell'Ospedale Morgagni, la passione civile lo avevano reso punto di riferimento per l'associazionismo impegnato nella donazione di organi e tessuti in tutte le differenti espressioni. Il suo è stato vero e proprio impegno civico, portato avanti con approccio educativo e spirito militante, seguendo una missione orientata ad aiutare il prossimo. Grazie a questa instancabile azione, la cultura del dono ha messo radici solide e si è strutturata in realtà associative sempre presenti, attive ed efficaci. In questo triste momento, a nome della Giunta comunale e del Consiglio, testimoniamo la partecipazione al lutto dell'intera Città di Forlì, stringendo i familiari in un abbraccio affettuoso e rivolgendo un pensiero di gratitudine e di speranza al grande professor Maltoni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Virus 'clinicamente sparito' anche in Romagna? No, circola ma poco. Ecco cosa sta accadendo

Torna su
ForlìToday è in caricamento