Aveva Forlì nel cuore: addio alla signora del teatro Valeria Valeri

La signora del teatro italiano, Valeria Valeri, si è spenta alle prime luci dell'alba di martedì all'età di 97 anni e mercoledì a Roma ci sarà l'ultimo addio a Roma.

Era legata a Forlì da un fortissimo affetto, dove esordì nella stagione teatrale 1948 - 1949 con la compagnia della forlivese Laura Carli. E per questo nel dicembre del 2015 le fu conferita la cittadinanza onoraria dall'ex sindaco Davide Drei. La signora del teatro italiano, Valeria Valeri, si è spenta alle prime luci dell'alba di martedì all'età di 97 anni e mercoledì a Roma ci sarà l'ultimo addio a Roma. È stata fra le più importanti interpreti brillanti a teatro e in anni recenti anche di tante fiction tv.

"A nome dell'amministrazione comunale e interpretando i sentimenti dell'intera comunità cittadina, partecipo al dolore di familiari e amici per la scomparsa di Valeria Valeri - afferma il sindaco Gian Luca Zattini -. Attrice e doppiatrice italiana di rilievo internazionale, era legata a Forlì da un rapporto di radicata amicizia iniziato negli anni della sua giovinezza e grazie all’incontro con l'attrice forlivese Laura Carli della quale fu allieva. Il legame è proseguito nel tempo attraverso una frequentazione assidua e tante amicizie. Nell'autunno del 2015 il Consiglio Comunale le attribuì la Cittadinanza Onoraria a testimonianza del grande affetto maturato durante gli oltre 70 anni della sua straordinaria carriera professionale. Anche in quell'occasione, già novantaquattrenne, stupì il pubblico nel Salone comunale con una lettura emozionate e coinvolgente".

In occasione della cittadinanza onoraria, era stato organizzato un programma di iniziative, promosso dal Comune di Forlì in collaborazione con il Teatro Diego Fabbri, il Centro Diego Fabbri ed i Musei San Domenico. Durante la cerimonia nel salone comunale Valeri si era esibita in letture tratte dal lavoro di Jurji Ferrini “Oscar e la dama rosa”, accompagnata dalle note del Maestro Valerio Mugnai. Il legame tra Valeri e la città di Forlì è stato descritto con passione ed affetto dall’attrice nel suo lavoro letterario “Mi pare di averci capito qualcosa”, libro che era stato presentato nella Sala Refettorio, Musei San Domenico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un improvviso arresto cardiaco spezza la vita ad un giovane di 26 anni

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Meldola, si lancia nel vuoto e perde la vita: nuova tragedia al ponte dei Veneziani

  • Mentre lavora il giardino di casa la terra restituisce bombe a mano e proiettili: strada chiusa a pochi passi dal centro

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Covid-19, un'altra vittima a Forlì. Nessun contagiato nelle ultime ore e altri 9 guariti

Torna su
ForlìToday è in caricamento