Al Natural Expo alla scoperta del mondo della canapa: benefici e opportunità

Canapa Corner è la grande novità della 14esima edizione di Natural Expo, uno spazio espositivo dove saranno fornite tutte le informazioni possibili sui prodotti

Seconda giornata di Natural Expo, il “cuore verde” che ogni anno batte in Romagna proponendo a un pubblico e curioso stimoli e opportunità di conoscenza sempre nuove e diverse. Tendenze, scoperte, innovazioni, utilizzi alternativi di materiali e risorse della nostra terra connotano la 14esima edizione della rassegna dedicata al benessere che sabato aprirà i battenti alle 10 e sarà visitabile sino alle 20. Quest’anno, all’interno del grande mercato dedicato al naturale e alla salute, sarà possibile scoprire due nuovi settori espositivi: Canapa Corner e Anima Creativa. Spazi divulgativi, animati da laboratori, dimostrazioni e conferenze e nei quali non saranno semplicemente messi in vendita dei prodotti.

Conoscere la canapa

Canapa Corner è la grande novità della 14esima edizione di Natural Expo. Uno spazio espositivo dove saranno fornite tutte le informazioni possibili sui prodotti, le innovazioni, le prospettive di mercato e i più recenti risultati forniti dall’uso della canapa in ambito medico, farmaceutico, gastronomico e industriale. Un utilizzo eco-sostenibile di quella che a tutti gli effetti si può definire una “nuova risorsa”. E lo si potrà scoprire nelle tre giornate approfittando dell’area relax chill-out con dj set. In più conferenze, momenti d’approfondimento e una mostra-mercato animata dalle principali aziende e associazioni del settore.

Arvar curerà sabato e domenica laboratori gratuiti su “Semi e Farina di Canapa in cucina”. L’intento è far conoscere usi e benefici della canapa nell’alimentazione, fornendo informazioni sui principi nutritivi, storici e sulle tecniche degli utilizzi culinari. Oltre a pannelli illustrativi dedicati, si potrà imparare a preparare tagliatelle con farina di canapa; biscotti di canapa; latte di semi di canapa; tartufini dolci con semi di canapa al cacao e al cocco e persino la piadina alla canapa. Sempre sabato e domenica, Mattia Rizzo di Consulenza Canapa terrà corsi di formazione per apprendere come operare nel settore. Verrà fornita consulenza nella coltivazione della canapa sia per chi è “nuovo” del settore, sia per chi ha già coltivato, ma non ha ottenuto buoni risultati o vuole incrementare il suo business. Il corso, della durata di un’ ora, si ripeterà varie volte nel corso delle tre giornate di fiera e sarà incentrato su: storia e proprietà della canapa, metodologia di coltivazione, legislazione, mercato e sviluppo.

Alle 15 di sabato, una conferenza gratuita tratterà di Agricoltura Acquaponica con il dottor Davide Mazzella. Biologo marino ed esperto in acquacoltura, spiegherà il processo scientifico alla base dell'acquaponica, una tecnica innovativa ed ecocompatibile che integra acquacoltura e coltivazione di piante mediante tecnica idroponica. Saranno evidenziati tutti i vantaggi ecologici ed economici che comporta se utilizzata in campo agroalimentare e per la coltivazione di Canapa sativa. Sarà aperta un’area ristoro con birre artigianali e una speciale Birra alla Canapa presentata dal Birrificio San Biagio. Ci si potrà rilassare nell’Area Relax-Chill Out con Dj set e bagni armonici. Si potrà anche entrare in un vero Villaggio Celtico allestito dall’associazione “Antico Olmo”. Rievocazioni, didattica, manufatti, il cerchio celebrativo. Insomma, tutto per immergersi in un’antica cultura e tradizione: quella dei druidi e della loro spiritualità.

Anima creativa

Anima Creativa è un’area tutta nuova idealmente connessa al settore Ritorno alle Origini di cui condivide gli stessi principi basilari. La sua peculiarità è nell’essere pensata e dedicata alla creatività, all’artigianato, all’offrire spazio ai laboratori di produzione e a tutto ciò che rientra nell’ambito dell’handmade, del design e delle realizzazioni ecosostenibili frutto di recupero e riciclo. Un settore che vuole incentivare la cultura della manualità e mettere l’accento sull’importanza dell’artigianalità anche ai fini del conseguimento del benessere personale e dell’intero ambiente.

L’accento sarà posto sull’importanza e sulla qualità del lavoro paziente, unico e personale, creato con le proprie mani. Un percorso di passione che rende il tempo libero ben speso, ma che può anche diventare vera professione e opportunità per la clientela e i visitatori della fiera.Tra le esperienze possibili: dimostrazione delle varie fasi di lavorazione dell’argilla grazie alla presenza di ceramisti faentini, laboratori gratuiti dalle 15 per creare bijoux con resine naturali, pietre e metalli di recupero quali rame, ottone, alluminio. Si potrà realizzare un gioiello prezioso raffigurante l’Albero della Vita.
In più, dalle 17, dimostrazioni per fare saponi con olio di oliva e oli essenziali. Saponette che stanno decisamente tornando in auge in quanto comode e decisamente meno inquinanti dei detergenti liquidi contenuti nei flaconi di plastica. A Natural Expo si può imparare a realizzare con le proprie mani.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Storica gioielleria chiude dopo 73 anni, tre generazioni si sono susseguite dietro al banco

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

Torna su
ForlìToday è in caricamento