Nei luoghi del massacro, 150 studenti in visita ai campi di sterminio di Auschwitz e Birkenau

Il viaggio degli oltre 150 studenti dei Comuni della Provincia di Forlì-Cesena in partenza giovedì 31 gennaio diretti a Cracovia.

Sono 44 i ragazzi e le ragazze da Forlì e dal comprensorio forlivese che partecipano quest'anno al progetto Promemoria Auschwitz, un progetto di memoria e cittadinanza attiva, promosso dall’Associazione Deina in collaborazione con il Centro per la Pace di Cesena, che da anni porta centinaia di ragazze e ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia a conoscere e cercare di capire due dei luoghi più terribili della storia del Novecento, i campi di concentramento e sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau. 

6 ragazzi dal Comune di Forlimpopoli, 6 dal Comune di Bertinoro, 3 dal Comune di Predappio e 2 dal Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole grazie al contributo delle rispettive amministrazioni comunali e dell’Associazione Anpi Forlimpopoli e Forli-Cesena partiranno domani con un treno speciale dal Brennero verso Cracovia. Anche altri Comuni del forlivese hanno aderito al progetto come Galeata, Santa Sofia, Forlì, Portico e San Benedetto.
Promemoria Auschwitz è un percorso che si compone di 3 fasi, la prima consiste in una serie di incontri nei quali i gruppi (1 a Forlì e 1 a Forlimpopoli) hanno analizzato la storia con lavori di interazione e dialogo, la seconda è il viaggio vero e proprio e la terza forse la più importante è la restituzione ovvero come questi ragazzi riporteranno la loro esperienza grazie a progetti e iniziative che costruiranno in altri incontri successivi.

“È un viaggio nella storia e nella memoria - dichiarano gli amministratori dei vari Comuni aderenti - realizzato attraverso la scoperta dei luoghi e delle storie delle persone che hanno vissuto la tragedia della Shoah. Un’esperienza molto forte, che coinvolge i giovani partecipanti in riflessioni profonde che si pongono l’ambizioso obiettivo di stimolare nei ragazzi una partecipazione attiva e una conoscenza che, partendo dalle tragiche vicende storiche della seconda Guerra Mondiale, arrivi ad analizzare in maniera critica e costruttiva il presente che li circonda”.

“Vedere Auschwitz oggi - afferma Federica, educatrice in partenza con i ragazzi - e coglierne il significato, le implicazioni e le complessità non può prescindere da una prospettiva che non si limiti alla memoria nazionale ma sappia allargare lo sguardo a una dimensione micro e macro-regionale, europea. Universale. Guardare alla storia delle persecuzioni e degli stermini della seconda guerra mondiale significa infatti costruire la consapevolezza che i processi che ne furono alla base sono parte di un passato comune, così come lo sono le conseguenze sociali, politiche, culturali che quella storia ha portato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Dal tampone pre-assunzione scopre di essere positivo al covid-19

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

Torna su
ForlìToday è in caricamento