Nel nome del piccolo Diego: ecco la nuova aula multimediale alla scuola Bersani

Il papà Francesco ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno permesso di rinnovare l’aula di informatica con i fondi raccolti in memoria di Diego Marisi

Uno spazio vivo, colorato, a misura di bambino, con un proprio posto pensato, dove aver il coraggio di imparare, il coraggio di stare insieme gli altri e anche un posto per gli insegnanti, per il loro coraggio e passione di stare con i bambini. Sicuramente, questo è un grande inizio”

Con queste parole, il papà Francesco ha voluto ringraziare le persone presenti, non presenti e tutti quelli che hanno, ogni giorno, un pensiero per loro, oltre a tutti coloro che hanno permesso di rinnovare l’aula di informatica con i fondi raccolti in memoria di Diego Marisi, che troppo prematuramente ha lasciato la sua famiglia, il papà Francesco, la mamma Antonella e i fratelli Valentino e Brando.

Alle 11, davanti all’aula di informatica, sono giunte, quasi in punta di piedi, le classi di Diego e del fratello Valentino, portando un grande cuore giallo, contornato da tante mani colorate, con la scritta “Le tue mani sono sempre legate alle nostre – I tuoi compagni e le tue maestre”, un messaggio di forte legame che sempre accompagnerà la vita di tutti, nei confronti di Diego.

La Dirigente Barbara Casadei ha poi dato inizio all’intima cerimonia con il proprio discorso, ascoltato dalle classi in rispettoso silenzio, per poi “aprire” l’aula con il tradizionale “taglio del nastro”, di colore giallo, stesso colore della targa affissa a fianco dell’entrata, con la scritta “A Diego, amico per sempre”, targa che è stata tra l’altro donata dall’azienda produttrice, una volta venuta a conoscenza dello scopo.
L’aula, composta da tavoli colorati componibili, ha accolto l’entrata dei bambini e della Fam.Marisi che, comprensibilmente commossa, ha potuto toccare con mano quanto ha potuto permettere la generosità in memoria del piccolo Diego.

Anche la classe di Diego ha ringraziato la famiglia, ricordando che “Diego non lascerà MAI i nostri cuori ed è sempre tra noi e con noi”. L’aula, dotata di 28 computer a scopo didattico, una LIM (Lavagna Interattiva Multimediale) in arrivo ed un “deck” per alloggiare e ricaricare i computer, è stata subito testata dai compagni di Diego, che hanno riversato tutta la loro contentezza e vivacità sui tavoli e davanti ai computer per far capire, a loro modo, che Diego era lì con loro e ci sarà sempre.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento