menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Nella calza della Befana tanta neve: fiocchi misti in città, 20 centimetri in Campigna

I fiocchi hanno imbiancato la fascia collinare: intesa la nevicata su Ridracoli e sulle vette della Campigna, dove il manto supera i 20 centimetri.

Nella calza della Befana abbondanti nevicate sui rilievi. La nuova perturbazione è sfociata nell'arrivo d'aria più fredda proveniente dal nord Atlantico, che ha portato fenomeni di acqua mista a neve anche in pianura durante la fase più intensa delle precipitazioni. I fiocchi hanno imbiancato la fascia collinare: intesa la nevicata su Ridracoli e sulle vette della Campigna, dove il manto supera i 20 centimetri. Gli appassionati della dama bianca hanno colto al balzo l'occasione, approfittando della giornata di festa per andare a sciare.

Sulla Statale Tosco Romagnola si è reso necessario l'obbligo di catene montate o pneumatici invernali tra Cavallino/Innesto Ss9 Ter Del Rabbi (chilometro 132,8) e S.Benedetto In Alpe (chilometro 145,1). Nel tratto montano sono caduti circa 3 centimetri. Nessun problema alla circolazione stradale. La Polstrada di Forlì distaccamento di Rocca San Casciano ha vigilato sulla circolazione. Gli operatori di Anas sono intervenuti con i mezzi spazzaneve e spargisale. 

La tendenza è per una graduale attenuazione dei fenomeni. Ma nei prossimi giorni la Romagna sarà bersaglio di altre perturbazioni atlantiche, questa volta accompagnate da aria decisamente mite in quota, che porteranno le temperature su valori superiori alla media del periodo. Da metà mese è attesa una svolta meteorologica: il margine di incertezza è ancora piuttosto elevato, ma i modelli matematici evidenziano la possibilità di una seconda parte di gennaio caratterizzata dal freddo e dalla neve, che colpirebbe gran parte della Penisola.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • una buona notizia che la faccia in montagna o collina dove la puo e deve fare....speriamo non scenda in pianura anche nei prossimi mesi in quanto poi la ripresa della produttività potrebbe frenare anche x qualche giorno e non ce lo si puo permettere

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Bimba di un mese muore nella culla: caso di "morte bianca" a Forlì

  • Incidenti stradali

    Ciclista falciato all'ingresso della Tangenziale di viale Roma: è gravissimo

  • Cronaca

    L'Edera Nuoto piange la scomparsa di Andrea Maltoni

  • Cronaca

    Derubato mentre fa sesso nei pressi della stazione: la ladra trovata e denunciata

Torna su