Tempesta su Forlì: raffiche fino a 132 km all’ora, alberi sradicati. Crollata una gru

Un violentissimo nubifragio si è abbattuto nel primo pomeriggio di giovedì sul Forlivese, colpendo in particolar la città

Foto di Marco

In un momento il cielo sopra Forlì si è coperto come se d’improvviso fosse calata la notte. Un violentissimo nubifragio si è abbattuto nel primo pomeriggio di giovedì sul Forlivese, colpendo in particolar la città. In pochi secondi il cielo ha riversato con un'enorme violenza un consistente quantitativo d'acqua, trasformando alcune strade in corsi d'acqua. L'allerta meteo numero 84 diramata mercoledì dall'Agenzia regionale di Protezione Civile e da Arpae era "gialla" per quanto riguardava il territorio di Forlì. Criticità ordinaria. Ma il temporale che si è abbattuto sulla città è stato probabilmente ben oltre le attese. Non tanto per la pioggia caduta, circa 22 millimetri, ma per le raffiche di vento, con la punta massima di 132 chilometri orari, come accertato dal servizio meteorologico dell'Arpae. I danni sono stati ingenti, con i Vigili del Fuoco chiamati ad un superlavoro. Non vi sono stati feriti, come rendono noto l'Ausl e la Prefettura, ed è questione di fortuna: in via Isonzo una gru è ceduta sotto gli effetti del fortunale, senza colpire nessuno. Il sindaco Davide Drei ha annunciato che chiederà alla Regione Emilia-Romagna lo Stato di Crisi attraverso l’Ambito Territoriale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile.

Danni in città

Si attendevano raffiche tra 60 e 70 chilometri orari, come specificato nell'allerta meteo, ma in città il vento ha toccato punte di 80,4 chilometri orari. L'Arpae ha anche misurato una raffica di 132 chilometri orari. La tempesta, durata circa una trentina di minuti, ha seminato danni in città. Una gru è crollata in via Pelacano. Fortunatamente la struttura metallica non ha colpito le case che si trovano dalla parte opposta della strada. E per puro caso non stava transitando nessuno in quel momento. La gru è piombata contro due auto, una cancellata e la porta di un garage. E' seguita la messa in sicurezza della struttura, con l'arteria che è stata chiusa al traffico. Sul posto per i rilievi di legge la Polizia di Stato.

A macchia di leopardo sono segnalati crolli di alberi (pini, cipressi, querce, platani e pioppi), anche su auto in sosta (come nel caso di via Due Maggio), e strutture scoperchiate. Segnalazioni di allagamenti e danni arrivano da ogni angolo della città: le situazioni più critiche sono state segnalate in viale Italia, viale Salinatore, via Ribolle, viale Vittorio Veneto, via Isonzo, via Manzoni, via Zondini e viale della Libertà. In via Corridoni, all'altezza di Qcorner, il vento ha spazzato via delle lamiere. Spazzati via numerosi bidoni della spazzatura. Tanti i tombini saltati. Non sono mancati temporanei blackout.

Danni anche al cimitero monumentale, dove il vento ha abbattuto diversi alberi, facendoli crollare sulle tombe. Abbattuta la quercia secolare di Villa Saffi a San Varano. Un altro albero è caduto in via Lughese, all'altezza di via Del Canale, nella zona di Villafranca. Immagini da "guerra" anche in centro storico, con tegole sparse nei pressi del Palazzo delle Poste. Divelte anche le tende di numerose attività commerciali. Tempestate di segnalazioni le sale operative del 115 e delle forze dell'ordine. Il maltempo ha costretto i Vigili del Fuoco ad un superlavoro, con operazioni di ripristino e messa in sicurezza che proseguiranno anche nei prossimi giorni.

Viabilità

Forti le ripercussioni alla circolazione stradale, con Polizia Municipale, Polizia di Stato, PolStrada, Carabinieri e Guardia di Finanza impegnate in varie arterie della città: gli aghi di pino hanno ricoperto intere zone d'asfalto, ostruendo i tombini e ostacolando di fatto il regolare deflusso delle acque piovane. Questa situazione ha di fatto causato dei temporanei allagamenti. Problematiche sono state segnalate in viale Matteotti, all'altezza della rotonda della Confartigianato, e alla Rotonda di Porta San Pietro, tra via Ravegnana e Corso Mazzini. Fotografie simili anche in altre vie secondarie della città, con rami, foglie a ricoprire le carreggiate. La potenza del vento ha anche scaraventato bidoni della spazzatura, teloni pubblicitari, cartelli stradali e semafori.

L'informativa del Comune

L’amministrazione comunale di Forlì, informa una nota, "è impegnata con il proprio personale, con i servizi sul territorio e anche grazie a volontari dei quartiere che hanno collaborato con la Polizia Municipale, a far fronte alle criticità causate dalla violenta ondata di maltempo. Un'attenzione particolare viene riservata anche alla raccolta di segnalazioni e al monitoraggio delle condizioni degli assi nevralgici della viabilità, soprattutto dei viali alberati, e delle strutture. Per urgenze è necessario contattare la Polizia Municipale: 0543.712000". "L’impegno del Comune - conclude la nota - si associa a quello delle altre istituzioni e presidi di pronto intervento che si sono attivati da subito per fronteggiare l’emergenza e ripristinare la normalità".

Mentre continua l’impegno in strada per fronteggiare le numerose problematiche, cercare di risolvere le criticità e ridurre i disagi causati da questa ondata di maltempo, comunico la volontà del Comune di Forlì di chiedere alla Regione Emilia-Romagna lo Stato di Crisi attraverso l’Ambito Territoriale dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile", ha affermato il sindaco Drei, che ha verificato di persona la difficile situazione di alcune zone della città e ha fatto il punto con i responsabili dei servizi impegnati nelle attività di emergenza e con il comandante della Polizia Municipale. “Siamo impegnati in sopralluoghi e verifiche per garantire la sicurezza dopo questo evento eccezionale, attività che stiamo portando avanti in ordine di priorità e che proseguiranno anche nei prossimi giorni", ha concluso. Piange anche l'agricoltura: sono diversi i frutteti rovesciati dalla potenza del vento, in particolar modo al confine tra Forlì e Faenza.

SPECIALE NUBIFRAGIO

VIDEO: IL FORTUNALE VISTO DAL CENTRO - LA DEVASTAZIONE
TUTTE LE NOTIZIE: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE
FOTO: CANCELLATO UN SIMBOLO STORICO DELLA CITTA'
ENTROTERRA: DANNI NELLA VALLATA

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Per Marco Piccinini è arrivato il momento di arbitrare una big: c'è la Juventus

  • Cronaca

    Taccheggia un giubbotto: l'allarme suona lo stesso e finisce nei guai

  • Cronaca

    A Dovadola per commemorare Benedetta arriva l’arcivescovo di Bologna Zuppi

  • Cronaca

    Si parte coi 4 rilevatori di passaggio col semaforo rosso, dove saranno e come funzionano

I più letti della settimana

  • Forte scossa di terremoto: la Romagna si sveglia nella notte, paura sui social

  • Trovata sotto un albero la donna scomparsa, è sopravvissuta a neve e gelo: è in gravi condizioni

  • MotoGp, allenamento col cross per Dovi e Petrucci. E Valentino commenta su Instagram

  • 10 anni fa la morte della piccola Alice, il padre: "E' cambiata la situazione? Sì, in peggio"

  • "Ufficio Sinistri": in centro a Forlì una birreria in onore del ragionier Fantozzi

  • Dopo 34 anni di attività lo storico supermercato ha abbassato le saracinesche

Torna su
ForlìToday è in caricamento