homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Nuova area commerciale in zona ospedale? Il "no" di tre consiglieri

Spiegano i tre consiglieri comunali: "Le questioni che non vanno a favore di questo progetto sono diverse: un innegabile incremento della cementificazione del territorio, contrario al programma elettorale"

Un forte dissenso al progetto di incremento delle potenzialità commerciali nei pressi del polo ospedaliero di Vecchiazzano. Il “no” arriva dai consiglieri comunali di maggioranza Mario Peruzzini (Noi con Drei), Paolo Bertaccini (Con Drei per Forlì) e Tatiana Gentilini (Gruppo Misto). La delibera urbanistica sarà al vaglio del prossimo consiglio comunale di martedì prossimo e prevede un insediamento di 2.500 metriquadri.

Spiegano i tre consiglieri comunali: “Le questioni che non vanno a favore di questo progetto sono diverse: un innegabile incremento della cementificazione del territorio, contrario al programma elettorale e di mandato voluto da Davide Drei che, di fatto, stravolge la natura di un “polo” ad origine esclusivamente “ospedaliero”, un’area racchiusa in un triangolo di terra tra due fiumi, caratterizzata da un'eccellete qualità dell’aria; un incremento esagerato della viabilità veicolare in punti già definiti critici, si parla di oltre 1400 autovetture in più nelle strade interessate; un innegabile e sensibile aumento dell’inquinamento dell’aria fino al centro della città”.

Per i tre consiglieri è “assurdo chiudere l’unico lato aperto di un’area altamente specializzata con un insediamento commerciale (di dimensioni considerevoli di 2.500 mq) e con annessi edifici residenziali per studenti quando vi sono strutture residenziali inutilizzate nel cuore della città in prossimità delle sedi universitarie. Si ha la forte sensazione di trovarci davanti ad un progetto che non persegua gli interessi dei cittadini ma quelli di potenti lobby commerciali, cui interessa occupare scientificamente il territorio anche a costo di precludere ogni possibile sviluppo del sistema ospedaliero per le generazioni future. Come a Risiko, gli spazi vanno occupati prima di altri, eliminando i “piccoli” commercianti, soprattutto, quelle attività a gestione familiare. Facendo appello al buonsenso di questa amministrazione, si spera che questo progetto possa essere fermato e rivisto completamente”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Dichiarazioni che mi sento di sottoscrivere pienamente!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Lavori all'incrocio "maledetto", chiude la Tosco Romagnola: le deviazioni per raggiungere Ravenna

  • Cronaca

    Corso Diaz, il quartiere: "Ripartire col progetto e piantare i nuovi alberi"

  • Cronaca

    Aperture estive dei musei forlivesi: Villa Saffi aperta anche la sera

  • Cronaca

    Disabilità psichica, inaugurato il centro "Il Gabbiano" - FOTO

I più letti della settimana

  • Tragedia sui campi: 57enne muore schiacciato dalla mietitrebbia

  • Guasto nell'impianto di aerazione: è strage di maiali

  • Schianto auto-moto all'incrocio: scooterista finisce grave all'ospedale

  • Auto in panne in Tangenziale, ma era una truffa: smerciavano anelli "tarocchi"

  • A tu per tu con il ladro: spinta nel fosso e derubata nel sentiero lungo il ponte del Rabbi

  • Cade dalla scala e batte la testa: 73enne muore in un podere

Torna su
ForlìToday è in caricamento