Vivevano tra gli escrementi senza acqua e cibo: l'Arma libera 13 cani e 22 gatti

L'operazione è stata svolta mercoledì mattina dai Carabinieri di Modigliana, in collaborazione con i colleghi della stazione Forestale di Tredozio e del personale dell'Ausl veterinario di Forlì

Si muovevano tra gli escrementi, senza acqua e cibo. Tredici cani di varie razze (lagotti, labrador, meticci e barboncini) e ventidue gatti di razza europea sono stati rinvenuti in un'abitazione, dove vivevano in condizioni igienico sanitarie precarie. L'operazione è stata effettuata mercoledì mattina dai Carabinieri di Modigliana, in collaborazione con i colleghi della stazione Forestale di Tredozio e del personale dell'Ausl veterinario di Forlì, ed ha portato alla denuncia di una 44enne con l'accusa di "detenzione di animali in condizioni incompatibili con la loro natura".

L'attività è stata svolta nella casa della donna, nelle campagne della vallata del Tramazzo. Gli uomini dell'Arma hanno accertato che all'anagrafe canina erano stati censiti solo tre cani, ma ne sono stati trovati complessivamente tredici insieme a 22 gatti. Una parte di questi erano rinchiusi all’interno di una vecchia stalla per maiali, mentre un’altra parte erano in una stanza all’interno dell’abitazione in condizioni incompatibili con la loro natura per via della presenza nel pavimento di numerosi escrementi.

Gli animali si presentavano magri con pelo infeltrito e nodoso poiché non avevano a disposizione acqua e cibo. Cani e gatti sono stati posti sotto sequestro. I primi saranno custoditi al canile comunale di Forlì, mentre i felini al "Gattile Enpa" di Cesena.

sequestro-cani-gatti-2 sequestro-cani-gatti-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • Nuova avventura imprenditoriale per il "Big Boss": il re degli hamburger rilancia uno storico ristorante

  • L'ospedale "Morgagni-Pierantoni" di Forlì torna in televisione in prima serata sulle reti Rai

  • E' in Rianimazione per la meningite, scatta la profilassi per ben 80 persone entrate in contatto col malato

  • Avanza il buio e per la stanchezza perde l'orientamento: disavventura per una cercatrice di funghi

  • Nuovo caso di meningite: paziente ricoverato in Rianimazione. Scattata la profilassi

Torna su
ForlìToday è in caricamento