Ordinanza in centro, il vicesindaco: "Nessuna multa per chi beve dalla borraccia. Strumentalizzare non aiuta"

Commenta il vicesindaco Daniele Mezzacapo: "Si tratta di un'ordinanza per il bene della città"

Nessuna sanzione per chi beve acqua dalla borraccia e rispetta l'ambiente. Lo puntualizza il vicesindaco con delega alla sicurezza Daniele Mezzacapo, replicando ai commenti dell'opposizione all'ordinanza anti-alcol in centro storico firmata lunedì dal sindaco Gian Luca Zattini. "Nessuno studente in gita scolastica verrà richiamato o sanzionato e neanche le persone giustamente attente al rispetto dell'ambiente che bevono dalla borraccia - sottolinea Mezzacapo -. Così come nessuna multa sarà fatta alle persone che in modo corretto e rispettoso vivono il bellissimo centro storico di Forlì. C'è chi non ha mai fatto nulla per anni e strumentalmente semina paura ma la realtà è un'altra e punta al bene della città".

VIDEO - Vox populi tra bar e locali: "Ordinanza che serviva"

"L'iniziativa antidegrado che abbiamo lanciato ha come unica finalità la valorizzazione del centro storico, il rispetto delle regole, la tutela dei minori e della salute, il miglioramento della sicurezza e la promozione delle attività degli operatori", illustra Mezzacapo, sottolineando le ragioni delle misure attivate col provvedimento firmato dal sindaco. "Tutte le strumentalizzazioni politiche messe in atto in queste ore puntano a snaturare il reale motivo dell'iniziativa che è volta a contrastare l'abuso di alcol, soprattutto da parte dei giovani, evitare la pericolosa e indecente presenza di cumuli di bottiglie e altri contenitori come è frequente trovare in alcuni luoghi del centro, qualificare la bellezza di Forlì", prosegue il vicesindaco.

Per incentivare la conoscenza da parte dei cittadini, la Polizia Municipale ha avviato la distribuzione di avvisi nei quali si ricordano le principali misure: "nel centro storico è fatto divieto di consumare bevande alcoliche all'interno di qualsiasi contenitore e bevande analcoliche contenute in recipienti di vetro o metallo (stabilito dall'ordinanza sindacale numero 17 del 26 agosto); per il rispetto del decoro pubblico è vietato sdraiarsi o sedersi sulle strade, nelle piazze, sotto i portici, sulle soglie di edifici pubblici, delle chiese e delle abitazioni private (secondo quanto previsto dall'articolo 19 del Regolamento di Polizia Urbana). La sanzione prevista è di 50 euro". I documenti sono consultabili sul sito www.comune.forli.fc.it . Dal primo settembre l'attività di prevenzione e controllo sarà potenziata grazie all'entrata in servizio di 15 agenti di Polizia Municipale.

"Come è stato illustrato in sede di presentazione - conclude - questa iniziativa non si esaurisce in un divieto e nel controllo ma sarà accompagnata da una attività di carattere informativo ed educativo, con progetti rivolti alle scuole, proposte per giovani, adulti e operatori. Mi permetto di dire che lo spirito appropriato è quello di fare tutti insieme un passo avanti migliorativo e non di fomentare paure immotivate".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La triste fine di una grande azienda del forlivese: dichiarato il fallimento dopo oltre 50 anni

  • Un bagliore visibile a chilometri di distanza: incendio in un'azienda

  • Sfilata in intimo contro i pregiudizi: in Piazza Duomo a Milano anche la forlivese Giulia Gambini

  • Festa di compleanno al ristorante con rissa finale e tavoli ribaltati tra due invitati

  • Terzo lotto della Tangenziale, partita la procedura per i 70 espropri di pubblica utilità

  • Unione, con l'uscita di Forlì quasi tutti i Comuni non avranno neanche un vigile a disposizione

Torna su
ForlìToday è in caricamento