Salvini torna a Forlì, scattano le misure di sicurezza: bevande in lattina o vetro vietate

Il sindaco di Forlì, Davide Drei, attraverso un'ordinanza, ha disposto il divieto di introduzione di bevande in vetro e in lattine in Piazza Saffi in occasione del comizio elettorale del segretario confederale della Lega Nord

Si rafforzano le misure di sicurezza in vista della visita del vicepremier Matteo Salvini. Il sindaco di Forlì, Davide Drei, attraverso un'ordinanza, ha disposto il divieto di introduzione di bevande in vetro e in lattine in Piazza Saffi in occasione del comizio elettorale del segretario confederale della Lega Nord a sostegno del candidato sindaco della coalizione di centrodestra Gian Luca Zattini in programma martedì alle 21. Il provvedimento, si legge nell'ordinanza, "integra ogni altra eventuale misura o iniziativa che dovesse essere assunta in materia di sicurezza delle pubbliche manifestazioni, anche in attuazione delle direttive impartite dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno il giugno 2017".

L'ordinanza è valida dalle 19 alle 23. In questa fascia d'orario agli esercenti di Piazza Saffi "è vietata la vendita di bevande, anche se prive di contenuto alcolico, in contenitori di vetro, lattine o altro materiale, se destinate all'asporto" oppure "per essere consumate al di fuori dei locali o delle aree esterne espressamente autorizzati all’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande; oltre che attraverso i distributori automatici di bevande".

"E' fatto altresì obbligo agli stessi esercenti, salvo che tutte le bevande, indistintamente, siano vendute in bicchieri di plastica, di garantire un servizio di sorveglianza sui locali e sulle aree esterne di pertinenza dell’esercizio (dehors), senza che il servizio debba obbligatoriamente assumere le connotazioni di un servizio di controllo ricadente nell’ambito di applicazione del Decreto del Ministero dell’Interno 6 ottobre 2009 (ovvero, svolto con personale in possesso di requisiti specifici), al fine di garantire il necessario supporto al titolare dell’attività, comunque responsabile dell’osservanza del presente provvedimento", prosegue l'ordinanza.

Inoltre, si legge nelle disposizioni, "è fatto inoltre divieto alle attività commerciali operanti in Piazza Saffi, indipendentemente dalla loro tipologia (esercizi di vicinato e medie strutture), dalla loro collocazione su aree private o pubbliche e dalle modalità di vendita, ivi incluse quelle effettuate a mezzo di distributori automatici installati in abbinamento ad attività commerciali o di produzione e vendita quali, a titolo esemplificativo, gelaterie, piadinerie, pizzerie, gastronomie e kebab, di vendere bevande, anche se prive di contenuto alcolico, in contenitori di vetro o altro materiale analogo frangibile (bottiglie o altri contenitori in genere) o in lattine. Inoltre, per i distributori automatici self-service installati in locali ad uso esclusivo ed in cui non è assicurata la presenza del titolare, deve esserne inibito il funzionamento, salvo che la distribuzione sia limitata ai soli prodotti in contenitori non inclusi nel divieto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Non rispondeva al telefono: trovato senza vita seduto sul divano davanti alla tv

  • Si apparta per un incontro sessuale, ma l'altro pretende del denaro: una denuncia per estorsione

  • Drammatico incidente sul lavoro: resta incastrato in un tornio e l'avambraccio resta amputato

  • "Il coraggio di dire sì al Signore": giovane architetto forlivese lascia la professione e diventa monaca di clausura

  • Un sushi in salsa romagnola: dopo le cene a domicilio la famiglia decide di aprire un ristorante

  • "Volevamo avere qualcosa di nostro": tutta la famiglia si rimbocca le maniche ed apre un bar

Torna su
ForlìToday è in caricamento