"Carenza di personale e cancellerie a rischio": l'avvocato Graziani espone a Mattarella i problemi del tribunale di Forlì

Di tutti i temi che riguardano il mondo degli avvocati e della giustizia e che sono stati stati illustrati al capo dello Stato sarà indetta la prossima conferenza nazionale dell’Avvocatura che si svolgerà a novembre a Torino

La giunta dell'Organismo Unitario dell’Avvocatura è stata ricevuta lunedì mattina al palazzo del Quirinale dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Nella delegazione, guidata dalla presidente Mirella Casiello, erano presenti i vicepresidenti, Pietro Faranda e Vincenzo Improta, il segretario Stefano Radicioni, il tesoriere, Paolo Ponzio, e tra i componenti di giunta anche l'avvocato forlivese Patrizia Graziani.

Casiello ha evidenziato  “il ruolo costituzionale e sociale dell'Avvocatura e l'importanza che prevalga l’etica della responsabilità in un momento così delicato del Paese, così da poter contribuire a far uscire l'Italia dalla crisi che la attraversa”. L'avvocato Graziani ha presentato a Mattarella tutte le problematiche del mondo della giustizia a livello locale: "il Tribunale di Forlì, dopo la chiusura della sede di Cesena, è alle prese da mesi con il problema dei dipendenti, della carenza di personale e del rischio chiusura delle cancellerie".

Graziani ha discusso inoltre della proposta che ha già presentato al ministro Orlando: il legittimo impedimento a comparire nelle udienze penali e civili per le avvocate che si trovino in condizioni di gravidanza e gli avvocati che utilizzino il congedo parentale. "Il diritto alla maternità e paternità che noi avvocati tuteliamo per i nostri clienti – ha spiegato Graziani – non vale proprio per noi avvocate e avvocati se non per concessione di alcuni magistrati là dove è stato siglato un protocollo di udienze con il Tribunale. E questa volta abbiamo parlato di un legittimo impedimento ‘positivo’ che verrebbe riconosciuto, che non ha nulla a che fare con il legittimo impedimento di cui hanno usufruito politici o ex premier, unicamente per allungare i tempi dei processi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I componenti dell'Organismo Unitario dell’Avvocatura hanno rappresentato al capo dello stato "la disponibilità a stringere una grande alleanza per la difesa dei diritti fondamentali della persona, per la semplificazione e per lo sviluppo, e contro la corruzione, sottolineando, però, come il primo tassello per avviare un nuovo corso sia quello di investire nella giustizia,  ribadendo il ruolo fondamentale e l'effettività della giurisdizione e la necessità di incrementare le risorse, non limitandosi a interventi di natura procedurale, come fatto in questi ultimi dieci anni dai governi di ogni colore politico". Di tutti i temi che riguardano il mondo degli avvocati e della giustizia e che sono stati stati illustrati al capo dello Stato  sarà indetta la prossima conferenza nazionale dell’Avvocatura che si svolgerà a novembre a Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Sarà un maxi-supermercato, secondo solo all'iper": i commercianti chiedono di bocciare il progetto

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Centauro esce di strada: la moto vola nella scarpata, interviene l'elicottero

  • Covid-19, un'altra vittima a Forlì. Nessun contagiato nelle ultime ore e altri 9 guariti

  • "Voglio farla finita": poliziotti e operatori sanitari salvano la vita ad un 21enne

  • Il bonus per le bici svuota i magazzini, finalmente un sorriso per una categoria: "Rientriamo delle perdite"

Torna su
ForlìToday è in caricamento