Orrore a Novafeltria, speleologo di Bertinoro ritrovato legato e incappucciato

E' stato ritrovato incappucciato e legato, nel cuore della notte tra venerdì e sabato, verso le 4.30, il corpo senza vita dello speleologo di Bertinoro disperso in alta Valmarecchia

Foto RiminiToday.it

Un fitto mistero quello che circonda la morte di Oscar Leandri, lo speleologo amatoriale 54enne diBertinoro, ritrovato cadavere nella notte tra venerdì e sabato a Miniera di Perticara, nel Comune di Novafeltria. Uscito di casa nella giornata di giovedì, dopo aver lasciato alla un messaggio spiegando di andare a fare una escursione nei cunicoli della miniera abbandonata, nel tardo pomeriggio non aveva più dato notizie di sè e la donna, preoccupata, venerdì pomeriggio è partita alla ricerca del 54enne. Conoscendo le abitudini del compagno la signora, una 47enne, non ha avuto difficoltà a trovare il pick-up dell'escursionista parcheggiato in via Fanante, a Perticara, e ha dato l'allarme ai vigili del fuoco temendo che l'uomo fosse rimasto bloccato in qualche cunicolo.

La macchina dei soccorsi si è mossa nella prima serata quando, da Novafeltria, sono partiti alla volta di Perticara i mezzi dei vigili del fuoco e del Soccorso Alpino per dare inizio alle ricerche. Si è cercato di individuare il segnale del cellulare che, sebbene acceso, dopo alcuni squilli faceva partire la segreteria telefonica. Reso particolarmente difficile dall'oscurità, il lavoro dei soccorritori è andato avanti per tutta la notte fino a quando, verso le 4.30, il corpo del 54enne è stato ritrovato in località Fosso del Fanante a circa 700 metri dalla strada in un punto da dove partono alcuni cunicoli che entrano dentro la montagna e fanno parte del complesso minerario abbandonato.

Solo con la luce del sole è stato possibile proseguire con le operazioni di recupero ma, secondo quanto riferito dagli inquirenti, ci si è accorti che il decesso difficilmente si poteva ricondurre a una disgrazia. Leandri è stato ritrovato con la testa infilata in un cappuccio di plastica bloccato, all'altezza del collo, da alcuni giri di nastro adesivo mentre, i polsi, erano stretti da una fascetta da elettricista dietro la schiena. All'interno del pick-up è stata ritrovata tutta l'attrezzatura da escursioni e l'uomo, sebbene avesse parlato di una gita all'interno dei cunicoli, indossava vestiti normali e non quelli tecnici utilizzati per entrare nelle grotte. E' stato quindi richiesto l'intervento dei carabinieri che, dopo aver recintato la zona, hanno eseguito i rilievi di rito mentre, sul posto, si è recato il pubblico ministero di turno, dottoressa Elisa Milocco.

Nel pomeriggio di sabato, al termine degli accertamenti a Perticara, gli inquirenti si sono spostati nel forlivese per interrogare parenti e conoscenti di Leandri, che ha una figlia di 14 anni avuta dalla compagna. Una prima ispezione del cadavere da parte del medico legale non avrebbe evidenziato lesioni compatibili con segni di violenza ma, il perito, non si è espresso sull'ora del decesso riservandosi maggiori dettagli dopo l'autopsia fissata per la mattinata di lunedì. Il 54enne, secondo quanto accertato dai carabinieri che oltre alla compagna hanno ascoltato parenti e amici, non avrebbe avuto problemi di depressione o economici che potrebbero aver fatto maturare un insano gesto. Tutto il materiale, cellulare, pick-up, sacchetto di plastica e fascette, è al vaglio degli inquirenti per cercare di individuare elementi utili alle indagini.

In questi giorni Leandri si trovava in ferie e sarebbe rientrato lunedì al suo posto di collaboratore tecnico all’Ufficio Progettazione ed esecuzione del Comune di Cesena. Sul lavoro viene descritto come una persona riservata e collaborativa. “Abbiamo ricevuto questa mattina questa notizia, che ci coglie, come tutti, di sorpresa”, conferma il sindaco Paolo Lucchi, contattato da CesenaToday.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (11)

  • beh scusate se l'ho scritto ma anche io ero dubbioso. Però lui vive lì. non mi interessa vantarmi di niente

  • ho chiamato un amico che vive a Perticara, dice che non era legato e incappucciato. Spiegatemi secondo voi come può suicidarsi in quel modo cmq

    • ahahah il classico "amico" che ne sa più dei carabinieri. Come il mio fornaio! Ma dai. Tecnicamente non trovo impossibile suicidarsi così, per quanto molto difficile, ma credo che il tutto non si risolva in un gioco di contorsionismo. Magari staranno cercando altri riscontri come le impronte digitali, una potenziale arma, lo studio delle ferite e la loro inclinazione? O il tuo magico amico ha già fatto pure l'autopsia?

      • ma dai rilllassati ho solo scritto che un amico che vive li mi ha detto questo. non che mi ha detto che non si è suicidato. io personalmente lo trovo sia difficile che improbabile e senza motivo il legarsi e incappucciarsi.

    • Leggo e commento molti quotidiani online, qui su FT in effetti mancava "colui che ha amici ovunque che pensano di saperne più di tutti". L'abbiamo trovato!!! Ma almeno sul suicidio sono d'accordo con te (e con Manuel).

      • no guarda non dico sia vero, anzi, ma mi ha detto così. non sono io quello.

    • Lo scrivono altri giornali online... che come fonti hanno le forze dell'ordine. Se il tuo amico ne sa di più digli di andare dai Carabinieri...sapientone. Per quanto riguarda il suicidio o omicidio, finché non vi è la certezza non si sbilanciano mai...

      • Gino ha riportato una cosa che gli è stata detta. Perché ti accanisci?

      • lamia domanda era "come fa a legarsi le mano da solo incappucciarsi da solo" e suicidarsi. se non lo sai amen

  • Che abbia visto qualcosa che non doveva vedere ? Non sono uno speleologo, ma sapevo che difficilmente questi appassionati vanno da soli, di solito sono in gruppo...seguirò la vicenda nelle prossime settimane.

  • ma che roba è?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    A Regina Pacis l'ultimo saluto all'allenatore Daniele Casamenti

  • Cronaca

    Drammatico investimento sui binari, la polizia segue la pista del suicidio

  • Cronaca

    Il Consiglio di stato dà ragione al Comune: riapre l’ufficio postale di Voltre

  • Incidenti stradali

    Troppo alcol in circolo, 42enne si schianta con lo scooter nella rotonda

I più letti della settimana

  • Investito da un treno e straziato dai convogli successivi: ritrovato un cadavere

  • Di ritorno da un matrimonio si schianta contro un palo sulla Cervese e distrugge l'auto

  • Drammatico investimento sui binari, la polizia segue la pista del suicidio

  • Dopo lo specchietto, quella dello sdraio: tentata truffa al parcheggio dell'ospedale

  • L'ultima corsa: Daniele Casamenti non ce l'ha fatta. Donati gli organi

  • Caduta nello sterrato: l'allenatore dell'Edera Daniele Casamenti in prognosi riservata

Torna su
ForlìToday è in caricamento