Morirono combattendo il nazismo: le ceneri di due giovani soldati verranno sparse nel cimitero indiano di Forlì

È la storia di Palu Ram e Hari Singh, due soldati del reparto dei fucilieri delle truppe coloniali inglesi di 19 e 20 anni

Morirono combattendo contro i tedeschi a Montale nel 1944. A distanza di 75 anni le loro ceneri saranno disperse martedì mattina nel cimitero indiano di Forlì. È la storia di Palu Ram e Hari Singh, due soldati del reparto dei fucilieri delle truppe coloniali inglesi di 19 e 20 anni che, durante la seconda guerra mondiale, erano schierati nella zona di Montale, in provincia di Pistoia. Persero la vita in uno scontro contro i tedeschi nel settembre del 1944. I loro resti vennero rinvenuti solo nel 1996 e restarono senza identità al cimitero di Prato fino al 2010. La Procura della città toscana avviò un’indagine, coordinata dal pubblico ministero Sergio Affronte, e col supporto dell’archeologo Matteo Borrini si arrivò all'identità. Un lavoro durato circa due anni e che ha richiesto studi di Dna.

Le spoglie sono state prese in custodia dalla Pubblica assistenza "L'Avvenire" di Prato, che ha contattato le autorità indiane. Con l'autorizzazione del Commonwealth war graves commission, lo scorso maggio è stato organizzato dall'associazione il rito funebre solenne per la riconsegna delle spoglie al governo indiano. Mercoledì le loro ceneri saranno disperse nel cimitero indiano di via Ravegnana, quello che si trova davanti al Monumentale. 

Spiega Stefano Esu, supervisore del Reparto Lavori della manutenzione dei cimiteri indiani: "L'organizzazione della cerimonia è stata affidata al responsabile Andrea Comacchio, che ha provveduto ad invitare le autorità cittadine. Si tratta di un evento aperto a tutti i cittadini". Esu ripercorre come si è arrivati all'identificazione dei due soldati: "E' stato estratto il Dna dei resti e confrontato con quello delle famiglie che ancora non avevano trovato i propri cari e quindi effettuare la tumulazione. Ci è voluto del tempo per avere le certezza, perchè le prove sono state ripetute più volte". Martedì la cerimonia avrà inizio alle 10,45 alla presenza delle autorità e dell’addetto militare per la difesa indiana, colonnello Rohit Teotia. Ci sarà la benedizione dei resti, la successiva dispersione delle ceneri e la posa delle lapidi commemorative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I suoi nudi artistici fanno il giro del mondo, ma lei ha scelto Forlì: "La Romagna mi ha adottata"

  • Sciagura sui binari, morto un giovane travolto da un treno: traffico paralizzato per ore

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Le rubano una bici elettrica, coppia finisce nel mirino della Polizia

  • Pizza napoletana per la ricerca contro il Coronavirus: "Divieto ai cinesi? Chiedo scusa"

  • Forlimpopoli, brucia il tetto di un'abitazione: vigile del fuoco resta ferito in una caduta

Torna su
ForlìToday è in caricamento