Pestaggio in piazza Saffi causato dall'alcol, fuori pericolo il ferito. E' caccia all'aggressore

Il ferito, un pachistano, dopo le iniziali condizioni di gravità dei traumi riportati, è stato risvegliato dal coma

Migliorano le condizioni dell'uomo pestato brutalmente sotto il municipio a Forlì, in piazza Saffi. Il ferito, un pachistano, dopo le iniziali condizioni di gravità dei traumi riportati, è stato risvegliato dal coma e le sue condizioni sono state giudicate non più preoccupanti. Intanto sono in corso le indagini dei carabinieri per definire i contorni della feroce aggressione a calci e pugni, avvenuta intorno alla mezzanotte tra sabato e domenica in piazza Saffi. I militari sono alla ricerca dell'aggressore e gli indizi non mancherebbero, ma sono ancora da ricomporre in un quadro unitario.

Circoscritti, invece, i contorni dell'aggressione: entrambi i soggetti erano notevolmente alterati dall'alcol e sarebbe bastato quindi un banale motivo per far scattare la furia aggressiva. I carabinieri escludono che la lite sia nata all'interno di un contesto di malavita o per motivi di spaccio o per qualche ritorsione. Sarebbe invece l'azione non premeditata e d'impeto di un ubriaco. Un ubriaco così violento che ha spedito il contendente in coma al "Bufalini" di Cesena. 

Potrebbe interessarti

  • Sembrano sani, ma non è vero: ecco svelati 7 alimenti da evitare per la dieta

  • Smettere di fumare: come affrontare la dipendenza senza ricaderci

  • Dalla G alla A: come migliorare la classe energetica di casa

I più letti della settimana

  • Tragedia di ritorno dal mare causata da un colpo di sonno: ventenne muore in autostrada

  • Tragedia nella notte in A14: tra i due morti anche una forlivese

  • Mezzanotte di paura, nuova scossa di terremoto nel forlivese

  • La vedova di Bovolenta rivela: "Ho ritrovato l’amore. La vita regala sorprese bellissime"

  • Investimento mortale sulla linea Adriatica: ritardi fino a 3 ore e nove treni cancellati

  • Trema la terra: doppia scossa di terremoto, in tanti lanciano l'allarme sui social

Torna su
ForlìToday è in caricamento