La città che non va, che indecenza piazzetta Orsi Mangelli

Graffiti, immondizia e abbandono: sono un mix di fronte a cui i forlivesi insorgono. All'interno dell'iniziativa "La città che non va", un cittadino ha puntato il suo obiettivo nella piazzetta della vecchia ciminiera

Graffiti, immondizia e abbandono: sono un mix di fronte a cui i forlivesi insorgono, segnalando il degrado di certi punti. All'interno dell'iniziativa “La città che non va”, un cittadino ha puntato il suo obiettivo nella piazzetta della vecchia ciminiera dell'area Ex Mangelli, dietro il centro commerciale “I Portici” di via Colombo. E' aperta anche l'iniziativa parallela "La Forlì che funziona", per la raccolta dei tanti buoni esempi della nostra città.  Per inviare la tua segnalazione (non anonima e possibilmente munita di materiale fotografico): redazione@romagnaoggi.it

DEGRADO IN PIAZZETTA ORSI MANGELLI

Un lettore scrive in riferimento a piazzetta Orsi Mangelli, per intenderci la piazza circolare intorno alla vecchia ciminiera dietro i Portici,: “Abbandonata a se stessa. O meglio nelle mani di balordi o graffittari. Così si presenta quotidianamente la piazzetta Orsi Mangelli, l'ampio spazio retrostante il centro commerciale "I portici" di Forlì. Non è certo una novità il degrado dell'area, trasformatosi in un punto di ritrovo serale per nullafacenti ed extracomunitari. La fornace è un pub a cielo aperto, con la birra che va per la meglio. C'è chi la sfrutta per una cenetta al chiaro di luna, come testimoniano i resti abbandonati. I graffittari invece danno libero sfogo alla loro creatività, colorando con i loro messaggi un palazzo di cui non se ne conosce l'uso, tanto maestoso quanto inutilizzato. Per non parlare della sporcizia e le scartoffie a bordo dei marciapiedi. E il Comune, in tutto questo, che parte ha? Nell'ambito dei progetti di valorizzazione del centro storico, non può trovare spazio la riqualificazione di un'area sorta pochi anni fa?”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ufficiale: asili nido, scuole, università e manifestazioni chiusi fino al primo marzo in Emilia-Romagna

  • Un improvviso malore non gli lascia scampo: è morto Dino Amadori, direttore scientifico emerito dell'Irst

  • Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere: sintomi, modalità di trasmissione e animali da compagnia

  • "Era dolce e solare": addio alla storica negoziante del centro, si è spenta a 49 anni

  • Rapinatore armato dal dentista: arraffa l'anestetico, chiede scusa e lascia pure il "pagamento"

  • Coronavirus, il presidente Bonaccini: "Stiamo valutando la chiusura di asili nido, scuole, impianti sportivi e musei"

Torna su
ForlìToday è in caricamento