Piazzetta San Carlo torna a splendere dopo due secoli

Forlì recupera uno spazio dimenticato: piazzetta San Carlo è stata restituita alla città mercoledì sera, dopo l'analisi storica effettuata dal sindaco Roberto Balzani assieme al ricercatore Gianluca Brusi

Redazione 3 maggio 2012
20

Forlì recupera uno spazio dimenticato: piazzetta San Carlo è stata restituita alla città mercoledì sera, dopo l'analisi storica effettuata dal sindaco Roberto Balzani assieme al ricercatore Gianluca Brusi. Si tratta dello spazio racchiuso tra le mura del Municipio, nel cuore del centro storico: un luogo suggestivo e che da due secoli non veniva aperto al pubblico. L'investimento effettuato dall'Amministrazione comunale ammonta a circa 600mila euro, di cuin 200mila di contributo regionale per la riqualificazione commerciale del centro storico. Ora si apre il rebus di come utilizzare questo ulteriore spazio del centro a beneficio della collettività.



LA STORIA - Gli eventi della bellici hanno contribuito a perdere la memoria di quello che in origine era stata la piazzetta. Nel dopoguerra è stata destinata, e declassata, a cortile interno, parcheggio, deposito di biciclette con pensilina di plastica ondulata. Spazio di risulta condiviso fra Provincia e Comune. Il toponimo stesso è sconosciuto alla maggior parte dei forlivesi. Al momento della realizzazione del progetto, nel 2009, il "cortile interno ex piazzetta San Carlo era pavimentato in modo provvisorio con ghiaia e materiale inerte stabilizzato. I prospetti che ivi si affacciano sono appartenenti al complesso edilizio del Palazzo Comunale e dell'Ex Palazzo della Provincia. Le pareti dei prospetti versavano in uno stato di conservazione pessimo.

Intonaci e tinteggiature richiedevano con sollecitudine un intervento manutentivo straordinario. Anche gli infissi erano in pessimo stato di conservazione.Il progetto della piazzetta San Carlo è sostanzialmente in linea con il progetto generale di ripavimentazione e recupero urbano nelle area principali del centro storico cittadino, denominato "Il Cantiere del Tempo" realizzato in gran parte alcuni anni. La piazzetta, non era accessibile alla cittadinanza, diventerà un vera e propria piazza urbana. Il progetto, oltre alla riqualificazione della piazzetta, ha attivato percorsi e collegamenti che conducono a via delle Torri attraverso l'androne esistente, a via del teatro e alla piazzetta XC Pacifici attraverso il vano passante posto al piano terra dell'ala sud del complesso edilizio del Palazzo Comunale.

Annuncio promozionale

Roberto Balzani
inaugurazioni

20 Commenti

Feed
  • Avatar di L'Uomo Qualunque

    L'Uomo Qualunque Che meraviglia, abbiamo una nuova "piazza urbana" per poter ospitare qualche sfaccendato!!!! 600.000 €. spesi per sistemare un cortile interno, posto tra i palazzi delle "loro signorie". E ci sono anche un sacco di bravi cittadini commentatori entusiasti di questa mirabilia!! Magari potevamo spendere questi soldini per ripassare una bella mano di vernice sulla segnaletica orizzontale delle strade di Forlì visto che non ne esiste più traccia in moltissimi punti e la cosa è abbastanza indecente, soprattutto per quanto concerne la sicurezza stradale. Oppure potevamo spenderli per accumulare sale e badili per il prossimo inverno, non si sa mai.

    il 5 maggio del 2012
  • Avatar di Carletto

    Carletto Mi spiace che qualcuno abbia frainteso. Non ho assolutamente detto di essere contrario alla sistemazione e all'apertura della piazzetta. Volevo evidenziare il fatto che in un momento di difficoltà generale dove è difficile per tutti tirare avanti, questi hanno deciso di spendere 600 mila euro in qualcosa che a mio modo di vedere poteva essere rimandato. D'altra parte se avessere dimostrato di avere particolare attenzione a come vengono spesi i soldi pubblici, non si sarebbero letteralmente mangiati anche i cavalletti del letto! (come si usa dire)

    il 4 maggio del 2012
  • Avatar anonimo di John Dorian

    John Dorian Senza ironia, mi sembra una buona iniziativa e un bel lavoro. Tanti soldì sì, ma spesi bene per un risultato che si vede e soprattutto SI TOCCA. Fra 100 anni, quando a Forlì in centro vivranno solo afro-italiani o cino-italiani, i bambini passeranno per quella pizza e diranno, "Però, com'erano bravi i romagnoli". Un po' come quando noi andiamo a vedere i mosaici. Sì, vabbè, fatte le dovute proporzioni ...

    il 4 maggio del 2012
  • Avatar di giorgio

    giorgio Spendere tutti questi soldi per il loro tornaconto, non sarebbe nemmeno il primo caso.

    il 3 maggio del 2012
  • Avatar di SecondoMe

    SecondoMe Sono basito..!!! quali strade malconce? quale pulizia del centro?? state facendo commenti che sono peggio del peggior luogo comune su Forlì. La piazzetta era chiusa da 200 anni, ha una sua storia e ora FINALMENTE è stata ridata ai cittadini, suoi veri proprietari. E' bellissima e ci si possono fare tantissime iniziative, il fatto che non si sappia cosa farne non vuol dire che sarà lasciata abbandonata, anzi, sono sicuro che verrà utilizzata in mille modi diversi (concerti, dibattiti, proiezioni, mercatini, presentazioni di libri..). Chi si lamenta è il clasico lamentone che non vede l'ora di dire contro tutti sperando che le cose vadano male in modo da poter dire, poi. "ve l'avevo detto". Lamentarsi di Forlì è ormai passato di moda, sveglia! godetevi la piazzetta san carlo, godetevi il centro e SPORRIDETE invece di frignare.

    il 3 maggio del 2012
    • Avatar di Matteo L

      Matteo L Sei nuovo in questo sito, eh? Imparerai presto che qui troverai SEMPRE qualcuno che si lamenta di tutto e del suo contrario, qualunque cosa si faccia. L'importante, per chi legge, e' non prendersela troppo e magari scherzarci anche un po' su. Anche a me fa piacere che sia stata aperta quella piazzetta, e' da quand'ero piccolo che la guardavo con curiosita'. Il fatto che ci sia gente che non ha nemmeno capito dov'e' la dice lunga sul loro interesse per la citta' dove vivono, comunque.

      il 3 maggio del 2012
      • Avatar anonimo di Pony Nero

        Pony Nero Beh, Matteo, non mi sembra che ci sia molta gente felice di sapere che vengono spesi 600.000 € per il ripristino di un luogo ai più sconosciuto, privo di interesse comune e molto probabilmente interdetto ad un futuro passaggio pubblico. Non prendiamoci in giro: solo avendo gli occhi foderati di prosciutto si può non notare che abbiamo aziende con bilanci in rosso, lavoratori in cassa integrazione, disperati sull'orlo del suicidio. D'accordo che la vita di un povero disgraziato non vale Piazzetta San Carlo con la sua bella cancellata chiusa all'ingresso, e la possibilità di proiettare, concertare, mercanteggiare, incontrare e presentare si ripaga da sola; però se poi si suicida qualche disoccupato, come parrebbe essere il trend ultimamente, non dimentichiamoci che si poteva aiutare un essere umano, diversi esseri umani, con quegli stessi soldi. Ricordiamoci anche che a Forlì il comune ci fa pagare tutto e tanto; e poi i soldi vengono scialaquati prima in gestione rovinosa delle nevicate, poi in aeroporto, adesso in ripristino di un luogo di cui, onestamente, non si sentiva il bisogno. Dubito che i Rolling Stones faranno tappa a piazzetta San Carlo nel loro prossimo tour, ma pure i Pooh la disdegneranno. Non credo che Camilleri presenterà il suo nuovo romanzo in detta piazzetta, e neppure Fabio Volo. Non ci proietteranno The Avengers in 3D, e nemmeno La Corrazzata Potemkin. Forse che Beppe Grillo ci farà un dibattito dei suoi? Ma nemmeno per sogno. Chissà, forse per il mercatino gli spacciatori ci faranno un pensierino... Dubito sempre della gente che incita gli altri a svegliarsi, come SecondoMe. Qui non c'è nessuno che dorme. Purtroppo le preoccupazioni a cui siamo soggetti e lo sdegno che proviamo per amministrazioni nazionali e locali non ci fanno dormire la notte.

        il 4 maggio del 2012
        • Avatar di Oscar

          Oscar Pony Nero ha centrato il punto la piazzetta è stupenda ma in questo periodo era opportuno fare fronte a ben altro! poi sinceramente mi aspettavo che i cancelli venissero aperti per sempre ma ovviamente forse si è pensato che la ristrutturazione deve essere conservata visto i costi e soprattutto visto che in centro ci sono molti personaggi poco rispettosi vedi il chiostro .... probabilmente noi comuni mortali non ne abbiamo mai goduto prima e non ne godremo mai e non è questione di lamentele del solito forlivese è che purtroppo ci siamo lasciati rubare il nostro centro storico che come già detto è bellissimo ma purtroppo facciamo fatica ha notarne la bellezza i perchè sono noti , qui dovrebbe intervenire l' amministrazione restituendo al cittadino tutto il suo centro storico non solo qualche pezzo e a determinati orari se io volessi bermi un caffe seduta al centro di piazza s. carlo o sotto il chiostro o in mezzo a via regnoli o in qualunque altro cavolo di punto del centro non potrei farlo e questo mi scoccia perchè io amo Forlì , ho passato la mia gioventù dai14 ai 22 anni in un altra città e quando sono ritornata ho visto il cambiamento e non in meglio...peccato!

          il 4 maggio del 2012
        • Avatar di Matteo L

          Matteo L Ho detto che mi fa piacere che sia stata aperta, non che sono felice di sapere che c'hanno speso 600.000 euro, ma non essendo io del ramo e non avendo la minima idea di come (e se) sarebbe stato possibile spendere di meno mi sembra del tutto inutile star qui a lamentarmi come un vecchio che guarda i lavori in corso. Se altri vogliono farlo, liberissimi. Io ora mi aspetto giusto che salti su il solito Bartolini o Rondoni del caso a strillare che il Comune ha speso troppo, mentre stranamente al momento dell'appalto dei lavori non mi ricordo di nessuna critica da parte dell'opposizione.

          il 4 maggio del 2012
          • Avatar anonimo di Pony Nero

            Pony Nero Nemmeno io sono molto competente in materia, ma 600.000€ restano troppi se spesi così inutilmente. Non siamo nella situazione opportuna per investire in piazzette inutili AL MOMENTO, quando sarebbe meglio preoccuparsi di infrastrutture già esistenti e di dominio pubblico. Oppure si potrebbe diminuire il carico fiscale su dipendenti e aziende, invece di pressarci per restituire fasto e sfarzo a zone di cui molti ignorano pure l'esistenza. Non tutti abitano in centro, non tutti volevano che venissero spesi tanti soldi in tale maniera, ma come si sa, la democrazia implica di andare contro il volere dei più, ché tanto le elezioni ancora sono lontane e di elettori convinti a prescindere il PD ne ha sempre tanti. Se poi Bartolini o Rondoni vogliono protestare, che lo facciano, hanno libertà di parola tanto quanto noi, che saremo tutti vecchi che guardano lavori in corso; per quel che mi riguarda, oggi pomeriggio mi toccherà tornare al lavoro come stamattina, per quello stipendio al 10 del mese decurtato in più punti da tasse e balzelli vari. E quello stesso giorno, davanti alla busta paga, penserò a chi potrà gioire e usufruire di Piazzetta San Carlo, di incontri, presentazioni di libri, concerti, mercatini, proiezioni, e proverò un po' di fastidio, in verità, per come viene spesa la mia, così come di tanti, clepta pecunia obtorto collo. Però poi capirò che non me ne intendo di restauro, che non comprendo l'intrinseca utilità sociale dell'intera operazione, che non capisco niente di niente ed è per questo che marcirò in un azienda come vile operaio, mentre i bravi amministratori spendono così tanto e così bene. E' giusto così, che il lavoratore, che conosce il vero valore del denaro, faccia i sacrifici per campare, e chi non ha mai alzato un mattone, un pennello, un martello o una chiave del 18 non si preoccupi di gestire un bilancio che, a mio modesto parere, sarà molto peggio di quanto si pensi.

            il 4 maggio del 2012
  • Avatar di Carletto

    Carletto Da 2 secoli non veniva aperta al pubblico, la maggioranza dei forlivesi non sa neppure dove si trova, adesso non si sa ancora quale sarà il suo utilizzo... Allora mi chiedo se era proprio necessario spendere 600 mila euro in un momento come questo. Non era meglio investirli per dare una ripulita al centro e/o alle tante strade malconcie?

    il 3 maggio del 2012
    • Avatar di Carletto Magnuzzo

      Carletto Magnuzzo Non sono d'accordo. Si ragiona sempre col c°°o. Spendiamo, anzi, abbiamo speso milioni per poter fare i belli (tipico del forlivese) con un aeroporto con 2 scali al giorno e ci lamentiamo perchè il comune ha speso 600mila euro per ridare vita ad un angolo storico della Nostra Città. Viva la coerenza.

      il 3 maggio del 2012
      • Avatar anonimo di Tool

        Tool L'affermazione sul ragionare col c**o la prendo come una tua autocritica. Giustificare questa spesa paragonandola allo sperpero perpetrato negli anni con l'aeroporto (da QUESTA amministrazione esattamente come le altre, se non peggio) è veramente l'apoteosi dell'assurdo. E poi parli di coerenza...

        il 4 maggio del 2012
  • Avatar anonimo di LiberaMente

    LiberaMente Si sono sistemati la loro piazzetta personale spendendo i soldi di tutti gli altri: che c'è di strano?

    il 3 maggio del 2012
  • Avatar di kn

    kn io non ho ancora capito dov'è e comunque con 600 mila € si potrebbe fare molto di più che risistemare una piazzetta! chi se la caga? non ne abbiamo abbastanza di posti non frequentati a forlì? veri sperperoni! non credevo che i nostri soldi venissero buttati proprio così al vento! sicuri che non ci fosse qualcosa di più utile da risistemare? se proprio non c'era, si potevano tenere lì mica vanno a male!

    il 3 maggio del 2012
  • Avatar anonimo di jesus christ

    jesus christ splende così tanto che stamattina volevo vederla ma i cancelli erano chiusi..... è una piazza privata o pubblica?

    il 3 maggio del 2012
  • Avatar di Elisa Una Forlivese

    Elisa Una Forlivese Evidentemente sono una "pecorona forlivese" come vuole @Tool perché a me piace eccome!

    il 3 maggio del 2012
    • Avatar anonimo di Tool

      Tool Non so se ci fai o ci sei: 600mila euro e nemmeno si ha una vaga idea di cosa farci in questa piazzetta... però a te piace! Va bene così.

      il 3 maggio del 2012
  • Avatar di Oscar

    Oscar Ecco caro sindaco visto la riqualificazione e visto la spesa effettuata non rendiamo la piazzetta un nuovo bivacco per nulla facenti ! Grazie

    il 3 maggio del 2012
  • Avatar anonimo di Tool

    Tool Intanto si sono spesi 600mila euro, adesso il "rebus" di come utilizzarla... ma per quanto ancora i pecoroni forlivesi sono disposti a subire tali prese per le terga?

    il 3 maggio del 2012