Forlimpopoli, pioggia di premi per l'istituto alberghiero "Artusi"

Strepitosa tripletta per l’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli che fa incetta di premi individuali e di riconoscimenti collettivi nella Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri organizzata dal 13 al 16 maggio dall’IPSSAR “Giuseppe Maffioli” di Castelfranco Veneto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ForlìToday

Strepitosa tripletta per l’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Forlimpopoli che fa incetta di premi individuali e di riconoscimenti collettivi nella Gara Nazionale degli Istituti Alberghieri organizzata dal 13 al 16 maggio dall’IPSSAR “Giuseppe Maffioli” di Castelfranco Veneto in provincia di Treviso, in cui a sfidarsi sono stati i migliori alunni iscritti al 4^ anno del corso di enogastronomia, di sala e vendita e di accoglienza turistica di 27 Istituti Alberghieri Nazionali. Nella categoria cucina, a Luigi Cervone, classe 4^F, è andato il terzo posto: lo studente forlimpopolese, dopo aver svolto una prova scritta in cui prima ha dimostrato di saper riconoscere quaranta prodotti a marchio DOP o IGP della regione Veneto per poi descriverne tre nel dettaglio, si è cimentato nella progettazione di un menù suddiviso in quattro portate che rappresentasse la tipicità regionale veneta. Cervone ha proposto un antipasto a base di asparago di Bassano DOP con salsa olandese all’arancia tiepida con sorbetto all’asparago, seguito da un primo piatto – che ha poi realizzato nella prova pratica – di riso vialone nano mantecato con punte di asparago Badoere IGP, granella di mandorle tostate, trota del Sile marinata, prosciutto veneto berico-euganeo DOP croccante con spuma di asparago e taleggio DOP, mentre il secondo ha visto nel piatto quaglia ripiena di verdure e timo su polentina bianca grigliata, per finire con gelatina di ciliegie dei colli asolani su cestino di frolla tradizionale, yogurt greco e riso soffiato. Il candidato si è dovuto, inoltre, misurare con la proposta di una variante per celiaci, inserendo indicazioni sull’apporto calorico-nutrizionale, sul calcolo dei costi e un suggerimento sul relativo prezzo di vendita.

Nella sezione accoglienza turistica, Davide Marzelli è salito sul gradino più alto del podio, ricevendo il primo premio assoluto e un premio speciale per il punteggio conseguito nella prova progettuale, consistita in un test di quarantacinque domande disciplinari a risposta multipla e nella realizzazione di un elaborato promo-pubblicitario per una struttura ricettiva scelta dalla commissione, l’agriturismo Sant’Andrea situato ai piedi dei colli asolani nella tranquilla campagna veneta. Nella prova pratica, Davide dopo aver affrontato un role playing in lingua inglese simulando la procedura di check out alla reception, ha illustrato, attraverso un video da lui stesso ideato e realizzato, un itinerario turistico-gastronomico con al centro l’area del Montello, il polmone verde della provincia trevigiana, declinandolo secondo tre proposte, una per un gruppo di turisti senior, una per coppie e una per famiglie. Il particolare apprezzamento della commissione giudicante è andato all’approccio ecosostenibile e salutista con cui Davide ha scelto di interpretare l’itinerario, avendo cura dell’impatto ambientale e delle calorie bruciate da ognuno dei tre itinerari. La premiazione si è svolta giovedì 16 maggio nel corso della serata di gala presso l’Ipssar ospitante “G. Maffioli” alla presenza del prof. Giorgio Brunet, dirigente scolastico dell’Artusi, che non solo ha visto assegnare i tre premi individuali ai due allievi finalisti, ma, con orgoglio, ha ricevuto in rappresentanza dell’intero Istituto forlimpopolese il terzo premio per la somma dei punteggi conseguiti nelle tre categorie della Gara tra una platea nazionale di 27 scuole partecipanti.

Torna su
ForlìToday è in caricamento