Una casa famiglia della Papa Giovanni XXIII nel film "Solo cose belle": debutto a Forlì

Dedicata e ispirata alle case famiglia della comunità Papa Giovanni XXIII, “Solo cose belle” — girato interamente in Romagna — viene ufficialmente presentato a Forlì

Dedicata e ispirata alle case famiglia della comunità Papa Giovanni XXIII, “Solo cose belle” — girato interamente in Romagna — viene ufficialmente presentato a Forlì  domenica alle 21 al Cinema Astoria, quando in sala saranno presenti il regista Kristian Gianfreda e una parte del cast e della troupe. Cast e troupe che potranno contare, per la presentazione del film, su una nutrita schiera di professionisti forlivesi, a partire dal co-protagonista, Luigi Navarra, e da un altro attore proveniente dalla nostra città, Daniele Romualdi, passando per lo scenografo, Gianfranco Boattini, e per la coordinatrice di produzione, Federica Gotti, e arrivando alla squadra di Sunset che — a vario titolo  dalla produzione esecutiva alla sceneggiatura, dalla comunicazione al reparto fotografia — ha collaborato alla realizzazione dei film: Lisa Tormena, Matteo Lolletti, Juan Martin Baigorria, Leandra Borsci, Francesco Gioiello, Silvia Zaghini, Michela Corradossi e Giada Rabiti. Tutti saranno presenti in sala per parlare di “Solo cose belle”.

“Solo cose belle” è in sala in tutti i cinema di Italia dal 9 di maggio. È un film indipendente, coraggioso e sincero, che nasce da un’esperienza preziosa come quella delle case famiglia della Papa Giovanni XXIII, e racconta di diversità e della ricchezza che l’incontro con la diversità produce, pur nelle difficoltà di tale percorso. Un film che commuove e diverte, un film a basso budget che ha qualcosa di miracoloso e contagioso, come solo le cose belle hanno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il film - spiega il regista - è un manifesto dedicato al valore delle differenze, alla lotta contro l'emarginazione e alla bellezza racchiusa nel superare la paura della diversità, specialmente in un momento storico e politico come quello che stiamo vivendo”. Al centro, come detto, troviamo da un lato un paesino romagnolo alla vigilia delle elezioni comunali, e dall'altro una casa famiglia in cui si muovono i personaggi più differenti: una mamma e un papà, un richiedente asilo appena sbarcato, un’ex-prostituta, un giovanissimo ex-carcerato e due ragazzi con gravi disabilità. A scatenare la "collisione" tra i due mondi è Benedetta (Idamaria Recati), la figlia sedicenne del sindaco (Giorgio Borghetti), che a dispetto delle convenzioni sociali del mondo da cui proviene si innamora del giovane ex-carcerato Kevin (Luigi Navarra), creando scompiglio nell'intera comunità. Ma sarà proprio la conseguente reazione a catena fatta di sospetti, lacrime, risate e sgomberi a far venire alla luce la bellezza dell’accoglienza e l’importanza della solidarietà. Intrecci inaspettati, rapporti contrastati e personaggi bizzarri diventano il sorprendente collante tra un paesino ancorato alle proprie convenzioni e un luogo popolato da coloro che vengono spesso etichettati come gli "sbagliati" e i "superflui". Finché legami inattesi si trasformano in opportunità. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Covid-19, amici o fidanzate non conviventi in auto: tutte le regole da seguire

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, il bollettino: un'anziana vittima a Forlì e un nuovo caso a Santa Sofia

  • Corso Mazzini perde un "pezzo", Trevi Sport chiude: "Una scelta sofferta, ma siamo rimasti soli"

Torna su
ForlìToday è in caricamento