homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Meteo, serie di pertubazione. Poi da metà mese potrebbe arrivare il freddo dall'Artico

Sia il modello americano che quello europeo intravedono la discesa di masse d'aria direttamente dall'Artico, che penetrebbero nel Bacino del Mediterraneo attraverso il canale della Bora oppure dalla porta della valle del Rodano

La seconda parte dell'inverno, dopo la lunga fase statica caratterizzata dalla presenza persistente dell'anticiclone subtropicale, si annuncia ben più dinamica. Dopo la serie di perturbazioni atlantiche, che continueranno ad attraversare la Romagna anche nel fine settimana, potrebbe aprirsi una parentesi fredda e di stampo invernale a cavallo del giro di boa del mese di gennaio. Sia il modello americano che quello europeo intravedono la discesa di masse d'aria direttamente dall'Artico, che penetrebbero nel Bacino del Mediterraneo attraverso il canale della Bora oppure dalla porta della valle del Rodano. Tale scenario sarebbe favorito dalla risalita dell'anticiclone delle Azzorre verso l'oceano Atlantico. Al momento sussiste una grande incertezza sull'entità di questo peggioramento, che determinerebbe una fase fredda ed instabile: le temperature si porterebbero al di sotto della media e si verrebbero a creare i pressuposti per nevicate a quote molto basse.

Prima della possibile ondata di freddo, domineranno el correnti miti occidentali. Mercoledì, giorno dell'Epifania, il cielo si presenterà generalmente nuvoloso, ma senza precipitazioni. Le temperature oscilleranno intorno ai 6°C, mentre le minime non andranno oltre i 4°C. Da venerdì le correnti umide ed occidentali piloteranno altri impulsi di precipitazioni, più intense sui rilievi, in particolar modo nel fine settimana. Le temperature sono previste in aumento, soprattutto sui rilievi, su valori superiori alla media del periodo. Seguirà da lunedì un progressivo calo termico. Quindi, intorno alla metà del mese, la possibile ondata di aria fredda dall'Artico grazie all'elevazione dell'anticiclone verso nord, che metterebbe fine alle miti correnti occidentali.


 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dopo McCurry arriva a Forlì la grande fotografia di Sebastiao Salgado

    • Cronaca

      "Il San Domenico lavorerà 12 mesi l'anno". In arrivo nuovi ristoranti in zona

    • Cronaca

      Terremoto, errore negli elenchi ufficiale: indicata una terza morta attribuita a Forlì

    • Cronaca

      Cervese, Tosco-Romagnola, via Emilia: notte di controlli della PolStrada

    I più letti della settimana

    • Drammatico tuffo alla cascata, muore un ragazzo di 17 anni

    • Terremoto nel cuore della notte: la terra trema per una decina di secondi

    • Terremoto, sepolti dalle macerie: coniugi forlivesi perdono la vita ad Amatrice

    • Morto alla cascata, valle paralizzata dal dolore. Fatale l'impatto con la roccia

    • Terremoto in Centro Italia: si mette in moto anche da Forlì la macchina dei soccorsi

    • Poca igiene, i Carabinieri chiudono un negozio di ortofrutta in centro

    Torna su
    ForlìToday è in caricamento