menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Meteo, serie di pertubazione. Poi da metà mese potrebbe arrivare il freddo dall'Artico

Sia il modello americano che quello europeo intravedono la discesa di masse d'aria direttamente dall'Artico, che penetrebbero nel Bacino del Mediterraneo attraverso il canale della Bora oppure dalla porta della valle del Rodano

La seconda parte dell'inverno, dopo la lunga fase statica caratterizzata dalla presenza persistente dell'anticiclone subtropicale, si annuncia ben più dinamica. Dopo la serie di perturbazioni atlantiche, che continueranno ad attraversare la Romagna anche nel fine settimana, potrebbe aprirsi una parentesi fredda e di stampo invernale a cavallo del giro di boa del mese di gennaio. Sia il modello americano che quello europeo intravedono la discesa di masse d'aria direttamente dall'Artico, che penetrebbero nel Bacino del Mediterraneo attraverso il canale della Bora oppure dalla porta della valle del Rodano. Tale scenario sarebbe favorito dalla risalita dell'anticiclone delle Azzorre verso l'oceano Atlantico. Al momento sussiste una grande incertezza sull'entità di questo peggioramento, che determinerebbe una fase fredda ed instabile: le temperature si porterebbero al di sotto della media e si verrebbero a creare i pressuposti per nevicate a quote molto basse.

Prima della possibile ondata di freddo, domineranno el correnti miti occidentali. Mercoledì, giorno dell'Epifania, il cielo si presenterà generalmente nuvoloso, ma senza precipitazioni. Le temperature oscilleranno intorno ai 6°C, mentre le minime non andranno oltre i 4°C. Da venerdì le correnti umide ed occidentali piloteranno altri impulsi di precipitazioni, più intense sui rilievi, in particolar modo nel fine settimana. Le temperature sono previste in aumento, soprattutto sui rilievi, su valori superiori alla media del periodo. Seguirà da lunedì un progressivo calo termico. Quindi, intorno alla metà del mese, la possibile ondata di aria fredda dall'Artico grazie all'elevazione dell'anticiclone verso nord, che metterebbe fine alle miti correnti occidentali.


 

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Meteo

      Meteo, le previsioni per l'estate: "Non sarà paragonabile a quella del 2015"

    • Cronaca

      Si accascia mentre cammina: a 45 anni muore stroncato da un malore

    • Cronaca

      Bimba di un mese muore nella culla: caso di "morte bianca" a Forlì

    • Incidenti stradali

      Schianto tra due auto e una ciclista: pesante bilancio dei feriti, gravissima una donna

    Torna su