A Santa Sofia l'ex casa di riposo diventerà il polo unico dei medici di base: dalla Regione 500mila euro per il progetto

a nuova struttura ospiterà anche un centro di ascolto ed un emporio solidale per la distribuzione di generi alimentari e vestiario a famiglie in difficoltà

Si rafforza così l’impegno della Regione per il miglioramento della dotazione di servizi pubblici di base nelle aree rurali e montane più fragili e a rischio di abbandono dell’Emilia-Romagna. E' stato approvato per il territorio forlivese il progetto di ristrutturazione dell’ex casa di riposo dell’Asp San Vincenzo de Paoli di Santa Sofia, dove sorgeranno il polo unico dei medici di base, la sede del servizio sociale territoriale, in particolare per l’assistenza agli anziani e ai disabili, e lo sportello sociale rivolto a soggetti in difficoltà. La nuova struttura ospiterà anche un centro di ascolto ed un emporio solidale per la distribuzione di generi alimentari e vestiario a famiglie in difficoltà. Il tutto grazie ad un finanziamento regionale di 500 mila euro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Dea Bendata torna in Corso della Repubblica: colpaccio con soli 3 euro

  • "Terrona", il caso della lite condominiale finisce in tv: "Non sono razzista, insulti sotto l'effetto dell'ira"

  • Assalita nella lite condominiale a suon di 'terrona' e 'morta di fame': l'amara segnalazione di una donna

  • Due concorsi per una settantina di posti nel pubblico impiego, la Cgil organizza la formazione

  • "Ripuliva" i soldi delle fatture false in una sala giochi: riciclaggio sull'asse Faenza-Forlì, sequestro da un milione di euro

  • Escort e over 45, la trasgressione non ha età: il lato piccante e proibito di Forlì

Torna su
ForlìToday è in caricamento