"Una Piazza bella come il sole" entra nelle scuole: primo incontro alla "De Amicis"

Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare con modalità di coinvolgimento differenziate per fasce generazionali

Entra nelle scuole il progetto partecipato “una piazza bella come il sole”, voluto da quattro assessorati, con l’importante obiettivo di rivitalizzare Piazza Saffi e il centro storico. Filo conduttore del progetto sarà una fiaba, appositamente scritta per l'occasione, che vede protagonista un barboncino di nome Nina, mascotte dell'iniziativa. Mara Rubino e Chiara Bernabini, rispettivamente architetto e ingegnere del Servizio Urbanistica ed Edilizia privata sono le responsabili del progetto e coordinano gli incontri a scuola.

Il primo incontro, si è svolto l'8 maggio scorso nella Scuola De Amicis, ed ha visto coivolti gli alunni di prima A, B e C, che in compagnia delle maestre Monia Valentini, Raffaella Ercolani, Anita Bosi, nochè della coordinatrice Giulietta Ricci hanno partecipato attivamente alla lettura di una favola su piazza Saffi, ideata da Mara Rubino. Attivamente, perché la favola, preceduta dal video del sindaco Davide Drei che ringrazia maestre e bambini per il loro impegno, è stata intervallata da domande, curiosità e spunti di riflessione.

Emozionante il momento in cui, alla domanda: “Bambini, sapete dirmi di chi è la piazza?” I piccoli, ancora entusiasmati dal videosaluto del Sindaco, hanno risposto che la piazza poteva essere solo del primo cittadino; a seguire un filone più spirituale ha segnalato (in sequenza) “Gesù”, “Maria”, “Dio”. Non è mancato qualche filoamericano, che ha ritenuto fosse del “Presidente degli Stati Uniti e dell’America”. “Bravissimi bambini, avete dato tutti la risposta giusta”, li ha elogiati allegramente Bernabini, che ha condotto l’incontro, “perché la piazza è proprio di tutti!”.

Gli alunni hanno poi ricevuto la scheda in cui disegnare e raccontare la loro piazza ideale e il blocchetto di “avvisi speciali”, da consegnare ad amici e parenti per informarli del progetto e, soprattutto, della possibilità di compilare online il questionario sulla piazza. Poi di corsa in giardino, per la conoscenza inaspettata con due protagonisti della favola: i cani Nina e Scatola, accompagnati dall’educatore cinofilo volontario Martino Papi e dall’aiutante, nonché padrona di Scatola, Alice Milandri. L’educatore, spiegato come approcciare un cane, ha fatto interagire cani e bambini nel gioco e nei comandi di base.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Una favola che stimola il senso di appartenenza alla propria città e una cagnolina che vuole ripopolare la piazza; ci sembrano gli ingredienti giusti - hanno detto le maestre -. Aver conosciuto i protagonisti non potrà che stimolare i bambini: ci restituiranno idee  fantasiose, forse visionarie, ma senz’altro anticonvenzionali e spregiudicate. Ma forse è quello che  occorre, no?” Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare con modalità di coinvolgimento differenziate per fasce generazionali. Oltre agli adulti, che potranno partecipare compilando un questionario online, sul sito del Comune, www.comune.forli.fc.it/progettocentrostorico, anche i bambini saranno importanti protagonisti, grazie alle preziose collaborazioni delle scuole aderenti: De Amicis, G. Rodari, D. Alighieri, D. Peroni, D. Fabbri e A. Manzoni, complessivamente 415 gli alunni sono coinvolti, tra i 6 e gli 11 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso schianto all'incrocio sulla via Emilia, un'auto si ribalta: due feriti

  • Coronavirus, tre nuovi tamponi positivi. Un'infermiera colpita per la seconda volta dal virus

  • Schianto in moto sulla Tosco-Romagnola: ferito un 28enne forlivese

  • "Grotte urlanti", turisti allontanati dall'Arma: trovate anche corde per scalare le rocce

  • Covid-19, nuova ordinanza in Emilia Romagna: contagi tra familiari, si stringono le maglie

  • Sfuriata ventosa in serata: crollano diversi alberi, serie di interventi dei Vigili del Fuoco

Torna su
ForlìToday è in caricamento