Promemoria Auschwitz, Forlì non emula Predappio: "Impegno anche per le Foibe"

"Auschwitz e le Foibe rappresentano un’esperienza di vita, un viaggio nella memoria del nostro continente ma anche una sfida per i nostri ragazzi"

Forlì non emula Predappio. La Giunta Zattini concede infatti il patrocino oneroso per concorrere alla copertura dei costi connessi con la partecipazione dei giovani forlivesi all’iniziativa Promemoria Auschwitz 2020. "Abbiamo deliberato un contributo pari a 7.400 euro a parziale copertura delle spese di viaggio dei nostri ragazzi - spiega l’assessore Paola Casara con delega alla scuola e alle politiche educative -, ma c’è di più. Questa amministrazione ha intenzione di fare lo stesso per il massacro delle Foibe e per tutti quei luoghi della storia che hanno fatto da sfondo a ripetute e gravi violazioni dei diritti umani".

"Il motivo è molto semplice - aggiunge Casara - la verità non appartiene a una sezione del tempo ma ha valenza apartitica, trasversale ed inclusiva. È patrimonio di tutti. Come Istituzione che rappresenta una comunità, è nostro dovere stimolare le giovani generazioni all’approfondimento e alla riflessione della memoria storica attraverso uno spirito e un approccio che siano prima di tutto critici e poi, eventualmente, politici. Auschwitz e le Foibe rappresentano un’esperienza di vita, un viaggio nella memoria del nostro continente ma anche una sfida per i nostri ragazzi. È per questo motivo che abbiamo intenzione di diversificare la collaborazione e l’offerta formativa del nostro Comune attraverso iniziative e percorsi di approfondimento rivolti prima di tutto a formare gli studenti del forlivese ad un uso consapevole e responsabile della storia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conclude Casara: "L’amministrazione non vuole dimenticare i massacri delle foibe e l'esodo dalmata-giuliano. Il tempo e le testimonianze dei sopravvissuti ci hanno restituito l’orrore di quell’eccidio e la consapevolezza delle responsabilità. Chiunque sposi teorie negazioniste nega il diritto alla verità. Un diritto che è anche un dovere e che non ha padroni".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tuffo in mare si trasforma in tragedia: giovane muore sotto gli occhi degli amici

  • Auto si schianta contro un camion: due feriti gravi, 16enne in terapia intensiva

  • Covid-19, tornano ad aumentare i casi attivi: a Forlì due nelle ultime 24 ore

  • Viene da Malta, ufficializzata la prima compagnia aerea con un aereo con base al "Ridolfi"

  • "Vuole ucciderla", i Carabinieri corrono subito. Picchiava la compagna davanti alla figlioletta, arrestato

  • Giugno 2020 il meno caldo degli ultimi nove anni. Ora il break temporalesco: "Non si escludono fenomeni violenti"

Torna su
ForlìToday è in caricamento