"Cibo troppo scarso", sulla protesta dei profughi interviene la polizia

Proteste vivaci tra i profughi, tanto che si è reso necessario a un certo punto l'intervento della Polizia. E' quanto capitato nel primo pomeriggio di martedì

Proteste vivaci tra i profughi, tanto che si è reso necessario a un certo punto l'intervento della Polizia. E' quanto capitato nel primo pomeriggio di martedì, quando una volante del 113 è dovuta giungere in via Sapinia, nel quartiere Romiti di Forlì, in soccorso di un volontario della consegna dei pasti, che è finito subissato dalle proteste dei profughi che si trovano in uno stabile di quella strada. La protesta è stata dettata dalla scarsità del cibo consegnato. In particolare da alcuni giorni ricevono ingredienti da cucinare e non pasti precotti come avveniva precedentemente. Insomma una protesta dovuta al cambiamento di abitudine nel gestire gli alimenti. Il volontario della cooperativa Aquacheta, non riuscendo a fronteggiare il dissenso, ha chiamato il 113 per espletare il suo compito. Il centro ospita nove nigeriani, tutti tra i 19 ed i 24 anni, arrivati la scorsa estate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Punta un euro su un gratta e vinci e non crede ai propri occhi: il "Sette e mezzo" è fortunato

  • Nel weekend tornano freddo e neve, ecco dove sono attesi i fiocchi. Ma l'inverno non decollerà

  • E' confermato il ritorno della neve, ecco dove sono attesi i fiocchi bianchi: allerta "gialla"

  • Porta l'auto dal meccanico e dal cofano spunta una micia: "E' una gatta di casa, cerchiamo la sua famiglia"

  • Pit stop "stupefacente" dal gommista: la Squadra Mobile scopre il canale della droga per Forlì

  • Cinquantenne malata di un grave tumore salvata dai primari di Forlì e Rimini

Torna su
ForlìToday è in caricamento