La città che non va, "attese interminabili al pronto soccorso"

Attese infinite al pronto soccorso. E' una delle lamentele più ricorrenti dei cittadini. Ne parla una forlivese per 'La città che non va', l'iniziativa che raccoglie le segnalazioni di disfunzioni e problematiche

Attese infinite al pronto soccorso. E’ una delle lamentele più ricorrenti dei cittadini. Ne parla una forlivese per ‘La città che non va’, l’iniziativa che raccoglie le segnalazioni di disfunzioni e problematiche, grandi e piccole. Contemporaneamente è aperta la raccolta di segnalazioni della ‘Forlì che funziona’, per indicare le tantissime cose buone che funzionano nella nostra città. Per inviare il materiale (non anonimo e munito eventualmente di fotografie): redazione@romagnaoggi.it

LUNGHE ATTESE AL PRONTO SOCCORSO

Scrive nella sua segnalazione Patrizia Callegati: “Il nostro pronto soccorso è una vera vergogna: lunedì dalle 9,30 circa fino alle 19.10 sono stata lì con mio padre di 86 anni per una colica renale. Non si può tenere una persona seduta in una sedia dura come un sasso tutto quel tempo per fare una lastra e un’ecografia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • Assume cocaina, perde la testa e cerca delle scarpe tra le auto: non lo ferma nemmeno lo spray al peperoncino

  • Postano su Facebook la foto del gatto rubato dal negozio: madre e figlia nei guai

  • Nella notte spunta uno striscione a Forlì: "Liberazione costellata di massacri e distruzione"

  • Salvini ritorna in città: "Aeroporto, Forlì deve essere collegata al mondo. Coop? Aiutare quelle vere"

Torna su
ForlìToday è in caricamento