Pubblicità erotica per le strade, la protesta: "Distrae dalla guida e non adatta ai minori"

Una pubblicità con contenuti erotici e diretta ad un pubblico indistinto, bambini compresi. E' la protesta di un lettore su un camioncino pubblicitario

Una pubblicità con contenuti erotici e diretta ad un pubblico indistinto, bambini compresi. E' la protesta di un lettore su un camioncino pubblicitario che circola sulle strade forlivesi ed è spesso parcheggiato nelle aree pubbliche di sosta. Reclamizzando un noto night club della zona, il camion reca figure femminili ed in particolare una gigantografia di un fondoschiena femminile sul retro, tale anche da distrarre dalla guida chi viaggia dietro.

Protesta il lettore: “Vorrei segnalare la presenza di un camion pubblicitario al limite della pornografia che viene piazzato in diverse zone della città, la pubblicità riguarda un night club. Credo che una pubblicità del genere non debba essere permessa, oltre ad essere una grande fonte di distrazione per gli automobilisti, e utenti della strada, è anche di cattivo gusto perché visibile a bambini. Oggi l'ho visto all'incrocio di viale Roma zona stadio, punto di forte traffico, è stato visto anche all'incrocio della Panighina dove la velocità delle automobili può anche essere maggiore”. Il lettore si chiede se sia opportuno che circolino camion pubblicitari con questo genere di immagini.

camion nikita 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cacciatore ferito da spari durante una battuta di caccia: soccorso in gravi condizioni

  • Colpisce due auto e poi si cappotta nel fosso: pauroso incidente

  • Stormi di migliaia di uccelli volteggianti sulla città, frastuono sugli alberi: la spiegazione del fenomeno

  • Falegname e pizzaiolo nei weekend, apre una pizzeria tutta sua: "Vetrina che si riaccende in centro"

  • Nella notte spunta uno striscione a Forlì: "Liberazione costellata di massacri e distruzione"

  • Salvini ritorna in città: "Aeroporto, Forlì deve essere collegata al mondo. Coop? Aiutare quelle vere"

Torna su
ForlìToday è in caricamento