Puzza in tutto il Forlivese, numerosi enti a caccia delle cause, fino al mare

Si sono mossi vigili del fuoco, tecnici di Arpa, personale di Hera, Eni ed anche le Capitanerie di Porto sono uscite in mare

Puzza nel Forlivese, nel Cesenate e fin sulla costa di Bellaria, finanché in mare: gli intensi cattivi odori, che si estendono in maniera lineare est-ovest dai quartieri sud di Forlì fino a Bellaria rappresentano  un vero rompicapo. I tecnici dell'Arpae, assieme ai Vigili del Fuoco e al personale specializzato di Hera  a seguito delle numerose segnalazioni in merito ad un odore sgradevole, intenso, acre e dolciastro, si sono attivati per le verifiche del caso, facendo uscire numerose squadre.

LA LOCALIZZAZIONE - Singolare l'andamento delle segnalazioni, che sono arrivate fin dalle 7 e mezza di mattina. Le zone maggiormente interessate sarebbero le zone sud di Forlì (Vecchiazzano, San Martino in Strada, Ca' Ossi per poi passare nella zona industriale di Forlì e poi ancora più ad est verso Forlimpopoli, Panighina, Santa Maria Nuova, Pievesestina di Cesena, e altre zone del forese cesenate fin verso le aree costiere di Cesenatico e Bellaria. Segnalazioni sono giunte anche da imbarcazioni al largo della costa romagnola.

RETE DEL GAS CONTROLLATA - Hera, da parte sua, ha controllato la rete del gas, non notando fughe apprezzabili dagli strumenti, sia da parte delle squadre inviate nei posti della segnalazione, sia attraverso i sistemi di telecontrollo. Il timore in questo caso, è che i movimento sismici di domenica potessero aver danneggiato le tubature del gas metano, dal momento che diverse segnalazioni riferiscono di sentire odore di gas. Ma ad ora questo rischio sembra scongiurato dopo le verifiche.

CONTROLLI AGLI INCENERITORI DI FORLI' - "Sono state controllate le emissioni degli inceneritori, da cui non sono risultate anomalie, in particolare negli ultimi giorni trascorsi" spiega Luigi Vicari, direttore dell'Arpae Sezione Forlì-Cesena.

CONTROLLI IN MARE - Visto che le segnalazioni sono giunte anche dal mare, sono uscite per un controllo in Adriatico anche le motovedette della capitaneria di porto di Cesenatico e Rimini. Personale dell'Eni ha effettuato delle verifiche sulla rete di trasporto del gas estratto nelle piattaforme offshore alla centrali di terra, in particolare nell'area della piattaforma Anemone, che si trova davanti alle coste dei comuni del Rubicone e di Bellaria. Anche in questo caso non è stato rilevato niente di particolare.

LIEVI MALORI - A Pievesestina di Cesena questi odori avrebbero provocato lievi malori a persone che li hanno respirati, ma senza alcuna conseguenza. 

SPANDIMENTI IN AGRICOLTURA - Alla luce di questi controlli che hanno coinvolto diverse squadre dei Vigili del fuoco e personale specializzato di Arpa, Hera, Eni etc. non si può che andare per esclusione. Domenica, ipotizza Luigi Vicari, direttore di Arpa, "era stato segnalato ad Arpae Ravenna uno spandimento di borlanda, un particolare concime organico che può produrre odori simili a quello riscontrato di gas. L’estensione dell’area interessata dai cattivi odori si sviluppa in direzione ovest-nord-ovest est-sud-est, grossomodo lungo un’area parallela e a cavallo dell’autostrada. La stessa direzione è stata anche quella del vento prevalente di lunedì mattina".

ARIA RISTAGNANTE -  Conclude Vicari: "Domenica era presente anche il fenomeno dell’inversione termica, che ha impedito la dispersione in atmosfera delle sostanze emesse, che quindi sono state trattenute verso il suolo. Nella mattinata di lunedì tale situazione meteorologica si è modificata, favorendo in parte la dispersione", prosegue Vicari nella sua spiegazione.

CAMPIONAMENTI DI ARIA - "Nelle zone più coinvolte sono state prelevate sacche d’aria, che sono state immediatamente portate al laboratorio per le analisi. Le analisi sono state avviate e sono ancora in corso - conclude Vicari -. Contemporaneamente si stanno svolgendo ulteriori indagini territoriali. Sulla base dei risultati si confida di poter disporre a breve di maggiori elementi per individuare l’origine dei cattivi odori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nella nebbia parcheggia l'auto e si mette a dormire: ma contromano e nella corsia di sorpasso della Tangenziale

  • Giovane punta un euro al "10 e Lotto" e fa il colpo: "Gli tremavano le gambe dall'emozione"

  • Maxi-studio su 30 anni di cancro in Romagna: quanto ci si ammala e quanto si sopravvive, tumore per tumore

  • Maltempo, le piogge concedono una tregua: superato il picco di piena del Montone

  • L'altra faccia dell'emergenza abitativa, l'odissea del locatore: "Casa sfasciata dopo lo sfratto"

  • Si schianta col Porsche Cayenne di un forlivese e lo abbandona in strada

Torna su
ForlìToday è in caricamento