Quattro colpi in una settimana al bancomat e al supermercato, rapinatore seriale arrestato

Dalla visione dei filmati acquisiti dai sistemi di videosorveglianza, in particolare dell'istituto di credito dove era installato il bancomat, si avevano delle prime immagini che hanno consentito di tracciare alcuni tratti caratteristici del malvivente

Nel primo pomeriggio di sabato  è arrivata una richiesta di intervento al 112: una donna denunciava di essere appena stata vittima di una tentata rapina mentre, in compagnia del suo fidanzato, era intenta ad effettuare un prelievo di denaro allo sportello bancomat della Cassa dei Risparmi di Forlì di via Edison.  La malcapitata ha riferito che il rapinatore, armato di pistola, aveva il volto coperto da una maglia grigia che lasciava intravedere solo gli occhi. L'uomo avrebbe desistito perché la coppia ha tergiversato, sostenendo che non erano riusciti a prelevare alcunché, dato che non era ancora stato versato lo stipendio, provocando l’allontanamento del malfattore. Sul posto sono intervenuti una volante della Questura della Forlì-Cesena e i Carabinieri di Forlì. 

GLI ALTRI EPISODI - La descrizione fornita preliminarmente dalla denunciante coincideva con le versioni fornite da altre persone che, nei giorni scorsi erano rimaste vittime di fatti analoghi nella medesima zona. Risultava, infatti che, la notte tra mercoledì e giovedì  scorsi, due persone, dopo aver effettuato prelievi da sportelli Postamat e bancomat sempre in via Edison,  erano stati aggrediti da un uomo travisato ed armato di pistola e spranga di ferro che aveva intimato loro di consegnargli il contante appena prelevato. Ancora qualche giorno prima, domenica 5 luglio, nei pressi del Conad di viale Spazzoli, un malvivente aveva aggredito una donna anziana che aveva appena terminato di fare la spesa e si  era impossessato del suo portafogli fuggendo poi a bordo di una Ford Ka di colore grigio. La vittima, nonostante avesse opposto una resistenza energica, tanto che il malfattore era rimasto senza maglia, non è riuscita ad evitare la rapina. La mattina di mercoledì, sempre nei pressi dello stesso supermercato, un malvivente aveva minacciato con una siringa da insulina la cassiera del supermercato intimandole di consegnargli l’incasso. La donna aveva chiuso repentinamente il cassetto ed aveva iniziato ad urlare, tanto che il malintenzionato  era fuggito a piedi. 

LE INDAGINI - Dalla visione dei filmati acquisiti dai sistemi di videosorveglianza, in particolare dell’istituto di credito dove era installato il bancomat, le prime immagini hanno consentito di tracciare alcuni tratti caratteristici del malvivente ed hanno permesso, con ampio margine di probabilità, di ritenere che il soggetto immortalato fosse lo stesso che aveva colpito nei giorni precedenti.   Sono stati conseguentemente predisposti servizi di pattugliamento in abiti civili nelle zone ritenute più sensibili e che avrebbero potuto essere ripercorse dal malfattore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'INTERVENTO - Così, appena ricevuta la segnalazione da parte dell’ultima malcapitata, militari del Nucleo Investigativo hanno rapidamente raggiunto la zona e dopo poco hanno sopreso una Ford Ka di colore grigio con a bordo una persona poi identificata in un 40enne del luogo. Il soggetto è stato controllato e trovato in possesso di una pistola calibro 6.35 versione replica inerte, di un piede di porco e di un coltello a serramanico.  Di fronte alle contestazioni degli operanti l'uomo ha ammesso di aver tentato una rapina pochi minuti prima ed è stato accompagnato al Comando Provinciale dei Carabinieri. Qui sono state convocate tutte le persone offese, avendo il legittimo sentore che vi fosse un filo conduttore tra tutti gli ultimi eventi denunciati.  Tutte le vittime hanno riconosciuto con assoluta certezza il 40enne quale autore delle rapine a loro danno. L'uomo è stato dichiarato dichiarato in stato di arresto e tradotto alla casa circondariale di Forlì a disposizione del sostituto procuratore della Repubblica di Forlì, Lorenzo Puccetti. E' stato deferito per rapina continuata pluriaggravata (travisato, con armi, in danno di ultrasessantacinquenni ed in danno di utilizzatori di bancomat).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il telefono diventa muto e dal conto spariscono migliaia di euro: quarta truffa sui soldi in banca in un mese

  • Aereo ultraleggero precipita e prende fuoco: perde la vita la promessa del nuoto Fabio Lombini

  • La sciagura di Fabio Lombini, gli ultimi istanti di vita col sorriso ripresi in un video

  • Il covid-19 non ferma il progetto di quattro giovani: "Apriamo una pizzeria e puntiamo sulla qualità"

  • Addio a Fabio Lombini, "Era esempio quotidiano di forza di volontà"

  • Covid-19, 109esima vittima nel Forlivese: è una donna di 80 anni

Torna su
ForlìToday è in caricamento